Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 1

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

Cara Sora mia...


Le sangue me reuoglie 'entre a le uene
e je feghete s'abbòtta pe' le pene
a uderte cunsemà' chiane a chiane
ca te s'èue rececata mane a mane!
pòra Sora mia...

Comme a 'ne strummele t'èue 'nzagagliata
reggerata...pengulata...scantecciata
t'èue chiena 'e prole babbalotte e ragnatela
e sì reuntata 'ne moccule 'e cannela!

Pe' mèrete 'e 'ste beglie chemmannante
che 'n saue 'ddo' mette mane pe' tra' 'nnante
te sì 'mmepita che rassegnazione
ca 'n te' chiù uoce pe' sta' 'nchemmertazione!

'E 'na cosa pro' te 'ncolpe Sora mia
ca 'n si calata ma' 'n mese a la uia
pe' reclama' je deritte sacresante
e saluarte almene le... metante!

'A 'ste pette m'èsce fòre 'na preghiera
pe' chi uò' bène a Sora alla 'ddauera
datte 'na smósta... datte 'na 'ntórta
falla sentì 'ssa uoce... ca 'n sì morta!

Cara Sora mia...


Il sangue mi ribolle nelle vene
ed il fegato si gonfia per le pene
a vederti consumare piano piano
perché ti si son mangiata mano a mano!
Povera Sora mia...

Come una trottola ti hanno legata
rigirata... pizzicata... guastata
ti hanno riempito di polvere e ragnatele
e sei diventata un moccolo di candela


Per merito di questi bei politici
che non sanno dove mettere le mani per andare avanti
ti sei azzittita con rassegnazione
e non hai più voce per stare in conversazione!

Di una cosa ti rimprovero Sora mia
che non sei mai scesa per la via
per reclamare i diritti sacrosanti
e salvarti almeno le... mutande

Da questo petto mi esce fuori una preghiera
per chi vuol bene a Sora per davvero
datti una smossa... datti una raddrizzata
falla sentire la tua voce... che non sei morta!


La... 'ssettate chemenale


'Na bandiera a je balcone
na fenestra 'llemenata
s'arrabbìa i' carrettone
che 'nna nòua sceneggiata.

Je scenarie è sempre chiglie
che' lla stessa felastròcca
che' j'atture 'e je cunsiglie
che se rattene... la ciocca!

Se 'nchemènza je prim'atte
che' 'lla 'ntrata 'e je pepatte

chi s'annèrua... chi s'arrizza
chi se sbraca... .. chi se 'ncazza
chi s'appiglia a 'nna repicca
chi s'accocchia che' 'nna cricca

chi 'raddausa la uoce
chi nne' parla pe' 'n se coce'
chi se fa chiappà 'a je sonne
chi nne' sa comme responne

'n se uà 'nnante... se sbadiglia
ce se strùcura... le ciglia.

'Oppe tante n'frigne e 'nsulte
je preblème 'n s'èue resòlte
ca ' n s' addòpra la cuscenza
tante... abbasta la presenza!

Se uà' 'nnante senza scorne
fine a quanne se fà jorne

po'... se cala i' separie
'n cima a 'st'ata sceneggiata
ma... nne' cagnerà scenarie
pe' lla prossema... 'ssettata!

Il consiglio comunale


Una bandiera sul balcone
una finestra illuminata
si riavvia il carrozzone
per una nuova sceneggiata

Lo scenario è sempre lo stesso
con la stessa filastrocca
con gli attori del consiglio
che si grattano... la testa

Si inizia il primo atto
con l'ingresso dei pupazzi

chi si innervosisce... chi si alza
chi si sbraca... chi si arrabbia
chi si attacca ad una ripicca
chi si accoppia e fa una crosca

chi rialza la voce
chi non parla per non scottarsi
chi si fa prendere dal sonno
chi non sa' come rispondere

non si va avanti... si sbadiglia
ci si strofinano... le ciglia

dopo tanti urli ed insulti
i problemi non si son risolti
perché non si adopera la coscienza
tanto... basta la presenza

Si tira avanti senza vergogna
fino a quando si fa giorno

poi.. scende il sipario
sopra quest'altra sceneggiata
ma... non cambierà scenario
per la prossima seduta

banner
banner

I' dubbie 'e 'na campana


I' nne' lle sacce chiù che sòne a fa'
deceua a mente sia 'na campana
m'abbotte notte e jorne 'e scampanià
la gente pro chiù sta chiù s'allentana

'Na uòta 'n t'addenìua 'a sprescià' tante
ca c'iabbastaua appena 'ne rentocche
e udiue abbecenarse tutte quante
pe' unì' a sentì' 'na messa che' je fiocche!


Me stònghe a dannà' l'alma ma 'n cuscenza
senza capì' 'sta gente che nne pènza
s'è aglie sone mè che chiù neciune crede
o' è' 'st' umanetà che 'n tè' chiù fede!

Il dubbio di una campana


Io non lo so più perché suono
diceva nella sua mente una campana
mi riempio notte e giorno di scampanare
la gente però più sta e più si allontana

Una volta non mi dovevo spremere tanto
perché bastava appena qualche rintocco
e vedevo avvicinarsi tutti (i fedeli)
per venire a sentire una messa con i fiocchi!

Ora mi sto a dannare l'anima, ma in coscienza
non riesco a capire la gente cosa ne' pensa
Se è al mio suono che più non crede
oppure è l'umanità che non ha più fede.

'Na Prejera


Patatè'... Tu m'attecchià' 'ne ccone
nne' po' fa' 'nfinta ca nne' uide
ca pe' teccà' je funne c'iammanca 'ne mercone
e tutte se sfrùglia se nne' c'iagguide

'nzembra a Te uoglie caualcà' 'na stella
e sbesceca' la terra p'ògne punte
addo' se mòre e neciune se rebbella
e tutte je ualore s'èue panunte

'na uota ce si mannate Figliete
pe' mette' 'n fila 'ne popele sbandate
predechènne amore e fede senza limete
e je popele cecate e sorde j'è 'nchieuate

I' nne' lle sacce che T'e' 'n mente
e me stònghe a dannà l'alma pe' capille
ma pe' rensauì' e saluà' 'sta gente
mo' 'e figlie... n'auìssa manna' mille.

Una preghiera


Dio mio... Tu mi devi ascoltare un po'
non puoi far finta di non vedere
perché per toccare il fondo manca poco
e tutto si rovina se non ci guidi


Insieme a Te voglio cavalcare una stella
e dare uno sguardo alla terra in ogni punto
dove si muore e nessuno si ribella
e tutti i valori si son persi

Una volta ci mandasti Tuo Figlio
Per rimettere in riga un popolo sbandato
che predicava amore e fede senza limiti
ed il popolo, cieco e sordo, l'ha inchiodato

Io non so che cosa hai in mente
e mi sto dannando l'anima per capirlo
ma per rinsavire e salvare questa gente
ora di figli... ne dovresti mandare mille.

banner
banner

Je uente


Sciusce prepetènte
che fischiene 'nquiatate
e 'rraccogliene i termente
'e 'ste terre 'nsangunate

Stonne 'mpertenènte
sibbele lamentuse
che gridene a lla gente
'ne mònete d'accuse

Sparpaglie rame e frunne
c'ammischíe a lla sperchizia
che refrulla pe' je munne
'nzembra a lla 'ngestizia

Stràngule... schepèrchie
seccòte che' chiù forza
spròule... scernecchie
ma sgulate po' te smorze

Spranza e rabbia si sfegate
pro' remane le 'ntredite
ca 'n c'iappote ramazzate
pe' pelì' le 'nzengaríte

Care di' 'e je uente
resparmeglie 'sse fiate
tante... j'òme nne' te sènte
ca s'è 'sserdite e rassegnate

Il vento


Soffio prepotente
che fischia arrabbiato
e raccoglie i tormenti
di queste terre insanguinate

Colpo impertinente
sibilo lamentoso
che grida alla gente
un monito d'accusa

Sparpagli rami e fronde
e li mescoli con la sporcizia
che rigira per il mondo
insieme all'ingiustizia

Rovini... scoperchi
smuovi con più forza
sporchi... scuoti
ma sgolato poi ti fermi

Speranza e rabbia hai sfogato
però resta l'intorbidimento
perché non basta ramazzare
per pulire la sporcizia

Caro dio del vento
risparmiati il fiato
tanto... l'uomo non ti sente
perché è sordo e rassegnato

A nascunnarella


S'addeneua tra' 'lla conta
e secunde a chi teccaua
'n faccia a' n'albere se celaua
mentre ce s'annascunneua.
Pe' petette dífocà'
t'addeneua retruà'
tingule e tangula se... te udeua
faceua a jòcca se... sbagliaua.
A chell'epoca tante bella
chiena 'e fede amore e pace
accucì se pazziaua
se faceua a nascunnarella

A nascondino


Si doveva tirare a sorte
e secondo a chi toccava
contro un albero si addossava
mentre ci si nascondeva.
Per poterti eliminare
ti doveva ritrovare
“tingule e tangula*” se ti vedeva
mentre perdeva se... sbagliava
In quell'epoca tanto bella
piena di fede amore e pace
in questo modo si giocava
si faceva a nascondino.
*(verso che annunciava la sconfitta)

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu