Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciule screbbacchiate - 10

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non , ne' potr mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

La uoce 'e lla urd


Se ue' 'nvetate a casa de 'nn' amiche
je criteche se t'aue 'a magn' poche
se 'nvece te refrullene la taula
ce fa' i' resecunte che' lla uirgola!

Se te capeta 'e chiede' 'ne fauore
'n te f' 'ngann' 'a tutte chelle mle
pecch... sembra ca t'arrapene i' cre
ma 'entre a lore... ce refrulla sule fle!

Se ua' ff' uiseta a 'nn'ammalate
ca si' 'bblegate pe' 'nn' sse' cretecate
'na uocca che te smrfia 'ne serrise
te fa' cap' ca... scocce e si curiuse!



Neciune se le p' neg'...
ca quande u' pe' dd' le cundeglianze
gire... reuoteche ma te u' 'ntreg'
'e chelle che ce st 'entre a lle stanze!


Quande se 'ncontrene dd' femmene
se faue chemplemente a chi nne' psse
ma le cuscenze nne' se scernene
e lla 'mmidia... u' 'nnascosta 'a ciance e mosse!

La voce della verit


Se vieni invitato a casa di un amico
lo critichi se ti danno poco cibo
se invece ti riempiono la tavola
gli fai il il conto in tasca con la virgola

Se ti capita di chiedere un favore
non farti ingannare da tutto quel miele
perch... sembra che ti aprano il cuore
ma dentro di loro... ribolle solo fiele!

Se vai a fare visita ad un ammalato
perch sei obbligato per non essere criticato
una bocca che finge un sorriso
ti fa capire... che dai fastidio e sei curioso!

Nessuno se lo pu negare...
che quando andiamo a dare le condoglianze
giri... rigiri, ma ti vai ad intrigare
di quello che c' dentro alle stanze!

Quando si incontrano due donne
si fanno complimenti a pi non posso
ma le coscienze non si scuotono
e l'invidia... viene nascosta da chiacchiere e sorrisi!

Je diritte

Se 'n te' le strutte bone pe' panogne
pe' smue i' carre 'n c'iappote le sampogne!


Il diritto


Se non hai lo strutto buono per ungere
per smuovere il carro non bastano le zampogne!

I' dubbie


E' je Patatrne...
ch' criate i' munne...
' je munne...
ch' 'strutte i' Patatrne?

Il dubbio


il Padre Eterno...
che ha creato il mondo...
o il mondo...
che ha distrutto il Padre Eterno?

banner
banner

La fine 'e j'anne


C'anne suzze e 'nsanguelente
chine 'e strage e de 'ngestizia
quanta chiante 'e pra gente
pe' lla crza a lla 'ngurdizia!

Bagliore 'e bomme...
sne 'e metraglie...
ch'ue accise e 'n saue comme!

Quanta morte s' sparta
'n mese a ll'aneme 'nnecnte
quanta rascia s' sprecata
che peteua sfam' la gente!

Fche 'e guerra...
chiante 'e morte...
'nfossa 'e sangue s' la terra!

Alme e cre s'ue 'mpetrite
se u 'nnante... 'n se tremmnte
j'anne scurte... se n' 'ite
ma remanene... i lamente!

L'ultimo giorno dell'anno


Che anno sporco ed insanguinato
pieno di stragi e di ingiustizie
quanto pianto di povera gente
per la corsa alla ingordizia!

Bagliori di bombe
suoni di mitraglie
che hanno ammazzato e non sanno come!

Quanta morte si sparsa
in mezzo alle anime innocenti
quanto benessere si sprecato
che poteva sfamare la gente!

Fuochi di guerra...
pianto di morte...
bagnata di sangue tutta la terra!

Anime e cuore si sono pietrificati
si va avanti... senza speranza
l'anno finito... se ne andato
ma restano... i lamenti!

La uilla chemenale


Se uarde 'n faccia je buste rencreccate
'e 'ste dd' 'ommene 'a tutte unerate
ce po' ud' 'na smrfia desgustata
pe' lla sperchzia 'e 'sta uilla 'bbndenata!

Comme era bbeglie 'ste giardine culerate
ca 'alla calura te teneua reparate
e l' aile fierite te mannune 'nnammore
e mo' so' 'mmosce... senza chi 'n'addore!

Albere sfrennate...
seggeline scantecciate...
mucchie de mennezza...
addore de schefezza...

Lore ch' ue fatte sempre a sentenlle
alle pazzie j'amore e marachlle
teue je cre che chiagne de trestezza
ca 'ntorne staue rechne de 'mmennezza!

Ulissere cal' da je baleuastre
pe' ferm' 'ne ccone 'ste desastre
e pe' spremue 'ste ciocche... carastose
a rrnne' i' splendore a 'st'oase 'e repose!

La villa comunale


Se guardi in faccia ai busti innalzati
di questi due uomini da tutti onorati
ci si pi vedere una smorfia disgustata
per la sporcizia della villa abbandonata!

Come era bello questo giardino colorato
che dalla calura teneva riparo
e l' aiuole fiorite ti mandavano in amore
e ora sono sfatte... senza pi un odore!

Alberi senza fronde...
panchine rovinate...
mucchi di immondizia...
odori di schifezza...

loro che hanno fatto sempre da sentinelle
ai giochi d'amore e marachelle
hanno il cuore che piange di tristezza
perch intorno sono pieni d'immondizia!

Vorrebbero scendere balle balaustre
per fermare un po' questo disastro
e per spremere queste teste... dure
a ridare lo splendore a quest'oasi di riposo!

banner
banner

Quatte fiure 'e ceciaria


S'ra 'ppena jestrate i' mmatine
ca pe' 'ne' nfame ulere 'e je destine
s'ue spezzate all'ampreusa pe' lla uia
quatte frische fiure 'e ceciaria


Pe' je cele grigie s' spariata
'n ''aria triste e 'bbafagnata
c'accappa Sora che 'nn'addore
e chiante surde e de delore

Mare 'e gente...
occhie 'strutte...
occhie schiante...
sone ' e lutte...

Cire... Rodolfe... Lelle... Gianfranche
quatte fire frische e bianche
quatte casse 'e 'nne culore
quatte mamme 'schiante 'n cre

Patate'... mo' che je s leuate
'a 'ste mamme scunselate
'n Te ne scurd'...
'nzembra a lore da je Parase
renchtele 'e chenforte e de serrise

Quattro fiori della ciociaria


S'era appena svegliato il mattino
che per un infame volere del destino
si sono spezzati all'improvviso per la strada
quattro freschi fiori della ciociaria

Per il cielo grigio s' sparsa
un'aria triste e pesante
che copre tutta Sora con un odore
e pianto sordo e di dolore

Moltitudine di gente...
occhi distrutti...
occhi senza lacrime...
suono di lutto...

Ciro... Rodolfo... Lello... Gianfranco...
quattro fiori freschi e bianchi
quattro casse di un colore
quattro mamme schiantate nel cuore

Padre Eterno... ora che li hai tolti
a queste madre sconsolate
non dimenticare...
insieme a loro dal Paradiso
riempile di conforto e di sorrisi

Mamma


Mamma...
te s' dd prde'
pe' darte 'ne ualore
s'a dd seffr
pe' fa' 'rrap' i' core

Quante i' so' chiante
si chiante 'nzembra a me
stregnnnemete 'mpette
senza sape' i' perch

'n te si addermita
pe' me ugli' i' sonne
te si aucchita
pe' m'accud' a je munne

Mo' ... c'oglie chiagne'
e te ulesse arrnne amore
m'accorge ca n' c'iappotene
manche cente cre!

Mamma...
s' dd seffr'
pe' fa 'rrap' i' cre
te s' dd' prde'
pe' darte 'ne ualore

Mamma


Mamma...
ti si deve perdere
per darti un valore
si deve soffrire
per farsi spaccare il cuore

quanto io ho pianto
hai pianto insieme a me
stringendomi in petto
senza sapere perch

Non ti sei addormentata
per vegliare il mio sonno
ti sei invecchiata
per accudirmi nel mondo

Ora... voglio piangere
e ti vorrei ridare amore
mi accorgo che non possono
nemmeno cento cuori!

Mamma...
si deve soffrire
per farsi spaccare il cuore
ti si deve perdere
per darti il valore

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu