Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 11

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

Je gasse 'e Bhopal (India)


'N' accricche che 'n fenziona
'na ualvela se 'ncaglía
se spanne pe' je cele
'na morte che' 'n perdona!
'Ne gasse s'è spariate
pe' ll'aria 'lla 'mpreuisa
e 'n coglie è recascate
a pòra gente...
ch'è remasta 'ccisa!
Cacchedune s'è saleuate
'a 'sta sorte spauntosa
ma 'a je gasse uè' cecate
chiane a chiane che s'apposa!
Quant'alme s'èue strecate
pe' lla curza a je quatríne
chi responne pe' 'sta colpa?
Chi j'è ulùte 'ste destine?
Mo'... la scenza nne' je sènte
tutte i chiante e je lamente
nne' cià uenzia...
e nne' tremmènte...
e... sorda e muta tira 'nnante

Il gas di Bhopal (India)


Un aggeggio che non funziona
una valvola che si blocca
si spande per il cielo
una morte che non perdona!
Un gas s'è sparso
per l'aria all'improvviso
ed addosso è ricaduto
a povera gente...
che è rimasta uccisa!
Qualcuno s'è salvato
da questa sorte spaventosa
ma il gas lo rende cieco
man mano che si posa!
Quante anime si sono stregate
per la corsa al quattrino
chi risponde per questa colpa?
Chi ha voluto questo destino?
Ora... la scienza non li sente
tutti i pianti ed i lamenti
non ci dà peso
e nemmeno vede
e non si tormenta
e... sorda e muta tira avanti

(scritta in occasione dell'incidente chimico in India)

(Da: http://www.mariadinazareth.it/Rubrica%20Pianeta%20Terra/Bhopal.htm)
La notte fra il 2 e il 3 dicembre 1984, a Bhopal, in India, si consumò il più grande disastro nella storia dell'industria chimica. Quaranta tonnellate di una miscela di gas letali fuoriuscirono dall’impianto di produzione di pesticidi della Union Carbide, acquisita dalla Dow Chemical nel 2001. Oggi si contano 20.000 morti e 500.000 sopravvissuti che sopportano le conseguenze di quel disastro. Il suolo e le risorse idriche sono fortemente contaminate da sostanze tossiche, e la popolazione è costretta ad usare acqua contaminata.

La lebbertà 'e parola


Si' libbere 'e parlà' 'n demegrazia
pe' fà' ualè' je 'eritte 'e reclamà'
ma...
'n te sènte manche Dommene e Maria
e t'abbotte sule 'e scriue e ciaulà'!

Libertà di parola


Sei libero di parlare in democrazia
per far valere i diritti e reclamare
ma...
non ti sente nemmeno Dio e Maria
e ti sforzi solo di scrivere e parlare!

banner
banner

Comme se pazziaua...


T'arraddeciue che' 'ne fischie de rechiame
e da 'n saccoccia traue fòre 'na pallina
e, scurdènnete ca te teneua fame,
t'accucugliaue piegate che' lla schina.

'Na smosta 'e terra che' je tacche
bastaua pe' sbecià' 'na fossa tonna
che' 'ne pezzuche traue 'na linea pe' je spacche
pelènne 'ntorne 'ntorne che' 'nna fronna.

Mure a te 'lla fossa...
sdòsse 'mpette a remanè'...
muibbela...
quatte ieta... 'ne mercone...
palme c'iaggiogne e mure...
senza storce' palme ...
'ncape 'ncape...

Quande le scure te cascaua 'ncoqlie
e pe lle cosse te sentiue 'na pentina
lassaue pèrde che' je torcecoglie
che' 'nn'utema stennetta a 'nna pallina.

'Na uoce premerosa che chiamaua
rempeua che' 'na bbotta chiglie 'ncante
e rentrènne che' lla panza che regliaua
chiudiue la jernata e... traue 'nnante.


Come si giocava


Ci si ritrovava con un fischio di richiamo
e da una tasca tiravi fuori una pallina
e, dimenticando che avevi fame,
ti abbassavi piegato sulla schiena.

Una smossa di terra con il tacco
bastava per bucare una fossa tonda
con un rame tracciavi una linea divisoria
pulendo tutto intorno con una fronda.

(regole per il gioco, quasi tutte intraducibili o prive di significato)
Muro fra te ed la fossa (la buca)
colpire di netto e fermare le tua pallina
pulire il tragitto
quattro dita... un altro po'...
un palmo e quattro dita e muro...
senza girare il polso
sfiorare la pallina avversaria in testa

quando il buio ti cadeva addosso
e per le gambe sentivi il formicolio
lasciavi perdere a causa del torcicollo
con un ultimo tiro ad una pallina.

Una voce premurosa che chiamava
rompeva di botto l'incanto
e rientrando la pancia borbottava
chiudevi la giornata e... andavi avanti

La urdà... coce!


Ognune s'à' sprescià'
'e pensà' a alta uoce
gredènne la 'urdà'
pure s'oppe coce!
'Na uòta che ce proue
fa' 'mmidia a tutte quante
pecche' la lengua che se mòue
'mmermenisce pure je Sante!

La verità... scotta


Ognuno si deve sforzare
e pensare ad alta voce
gridando la verità
anche se dopo si scotta!
Una volta che ci provi
ricevi l'invidia di tutti gli altri
perché la lingua che si muove
impaurisce anche i Santi!

banner
banner

Parapatta e... patta



'Ne geudì mmatina a je mercate
tra spòrte canistre e traìnelle
udette 'n terra tutte sparpagliate
'ne mucchie 'e mele mèse spetaccìate!
'Na uardìa che chiedeua spiegazione
pe' sbreglià' la patta 'e chell'azione
e capì' chi l'èra chemenzata
'e prime iurne chella pagliacciata!
'Na femmena auampata e schezzegnosa
sprezzante e tutta tesa tesa
se fece 'nnante tutta roscia 'n faccia
ghenfiènne i' coglie comme a 'nna ppappaccia!
le sa' che s'è permisse 'sta cafona
a mme!... la chiù segnòra de lla zona
'e nobbele famiglia descendente?
M'è offesa 'n faccia a tutte quante
trattènneme 'a segnòra reustuta
e, scurdènnese c'agl'ièsse' reurita
m'è 'ccheperchìate 'n cape 'ne canistre!
E 'mbè... mo' 'ttecchieme 'ne 'ccone assegneria
è 'na nettata che stònghe pe' lla uia
e chessa è unuta propria all'ora bbòna
trattènneme 'a mariòla e da cafòna!
I' ce sò ditte... segnò' se 'n te l'o' toglie
gira... forze troue chelle meglìe
ma... nne' 'sprezzà' la robba mia
ch'è chiena 'e sedore e de fatìa!
jessa... 'nvece... tutta 'mpertenènte
se l'è 'mmaniate quace tutte quante
tecchènne e sbescechènne je canistre
s'è recapate tutte le chiù 'ntiste!
'n sarìa manche niente assegneria
ma po' s'è messa a sfotte l'aldanìa
'icènneme mariòla pe' je prezze
e ca la robba èra bbona pe' j'aiozze!
I' 'n ce sò' uìste chiù... crideme a Ddì'
l'èra preiata cente uòte 'e lla fenì'
e se 'n ce cride... 'mmannelle a 'ste uècchie
finché... le sangue m'è 'zzeccate fine agl'iocchie!
La uardìa... che' pacienza le calmatte
e... uardènne la cuntadina che' respètte
e la... segnòra... che steua derempètte
facette capì' ch'èra tutte... parapatta e patta!

Pari, patta... e patta
(
modo di dire)


Un giovedì mattina al mercato
tra ceste canestri e cassettine
vidi per terra tutte sparpagliate
un mucchio di mele mezzo ammaccate
Una guardia che chiedeva spiegazione
per sbrogliare la matassa di quell'azione
e capire come era iniziata
di primo mattino quella pagliacciata!
Una femmina superbiosa e schizzinosa
sprezzante e tutta tesa
si fece avanti tutta rossa in volto
gonfiando il collo come un tacchino!
Lo sa' cosa si è permessa questa cafona
a me... la signora più grande della zona
di nobile famiglia discendente?
Mi ha offesa di fronte a tutti
trattandomi da signora rivestita
e, dimenticando che debbo essere riverita
mi ha buttato in testa questo cesto!
Embhe... ora ascoltami un poco signor vigile
è una nottata che sto per la strada
e questa è arrivata proprio all'ora buona
trattandomi da ladra e da cafona!
Io le ho detto... Signora se non le vuol prendere
gira... forse trovi quelle migliori
ma... non disprezzare la roba mia
che è piena di sudore e di fatica!
Lei... invece... tutta impertinente
le ha toccate quasi tutte
toccando e smuovendo il cesto
s'è scelta le più belle!
Non sarebbe ancora nulla, a Vossignoria
ma poi si è messa a sfottere con una litania
dicendomi ladra per il prezzo
e che la roba era buona per il maiale!
Io non ci ho visto più... credimi su Dio
l'ho pregata cento volte di smetterla
e se non ci credi... chiedilo a queste vecchie
finché... il sangue mi è salito agli occhi
la guardia... con pazienza le calmò
e... guardando la contadina con rispettosa
e la... Signora... che stava di fronte
fece capire che stavano pari!


'Ne compleanne


Tra 'ne bbecchiere pe' brendà' j'euènte
e abbracce e bace 'a tutte quante
accètta 'ste ddù' righe 'mpertenènte
Enrì'...
Pe' festeggià'... j'anta che te' 'ncoglie
gredà, t'oglie 'nfaccia a tutte quante
ca so' felice d'esse' mamma e moglie
cuntenta e senza 'ne rempiante
prò...
'nn' apprefettà' e fartene 'n 'auanne
ca t'òglie bbène tante da merì'
spère da sta' 'nzembra pe' cent'anne
ma 'n te scurdà' ca chi chemmanna...
...sò' sempre ì'!

Un compleanno


Tra un bicchiere per brindare l'evento
ed abbracci e baci a tutti quanti
accetta queste due righe impertinenti
Enrico...
Per festeggiare gli 'anta che hai addosso
gridare voglio davanti a tutti
che sono felice di essere mamma e moglie
contenta e senza rimpianti
però...
non approfittare e fartene vanto
che ti voglio bene tanto da morire
spero di restare insieme a te per cento anni
ma non dimenticare che a comandare...
...sono sempre io!

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu