Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 12

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

Je pensere 'e 'nne 'mmegrate


Tante tempe fà ...
che je còre che chiagneua
t'auetta abbandenà'...
pe' lla fame che ce steua.
Bella Sora mia...
paese addo' so' nate
cresciute... pazziate...
pezzente... spensierate...
e mo'... so' 'nne 'mmegrate!
'n chesta terra frasèra e carastosa
me c'è ulùte p'èsse respettate
facènne fatìe e sacreficie a iosa
ma je nome 'e Sora mia so' unerate!
Mo' campe quace da segnore
e la fame è sule 'ne recòrde
ma je còre fricceca d'amore
pe' je paese me... ca nne' me scòrde!
Bella terra mia natìa...
tenghe tanta uoglia 'e reunì'
che me rrenghie 'e tanta frenesia
d'arrabbracciarme a te... prima 'e merì'!

Il pensiero di un emigrato


Tanto tempo fa...
con il cuore che piangeva
ti dovetti abbandonare...
per la fame che c'era.
Bella Sora mia...
paese dove sono nato
cresciuto... giocato...
pezzente... spensierato...
ed ora... sono un emigrato!
In questa terra straniera e dalla vita cara
ci è voluto molto tempo per essere rispettato
facendo fatiche e sacrifici a josa
ma il nome di Sora mia ho onorato!
Ora vivo quasi da signore
e la fame è solo un ricordo
ma il cuore sussurra d'amore
per il paese mio... che non riesco a dimenticare!
Bella terra mia natia
ho tanta voglia di tornare
che mi riempie di tanta frenesia
d'arrabbracciarmi a te... prima di morire!

Dedicata a tutte quelle persone che ora molti, troppi di noi chiamano terroni, extracomunitari, stranieri, e fra un po' anche extraterrestri. A tutte quelle persone che vengono nella nostra patria per migliorare la loro condizione di vita, e quella dei loro cari. Azioni che anche noi italiani abbiamo fatto, ed anche l'autore di queste poesie, ha provato sulla sua pelle cosa significa stare lontano dalla propria patria.

'Ne spesalizie


'Ne benvenute a tutte je 'nvetate
daglìe spuse, la sposa e je famegliare
che, che' tanta fantacìa c éue preuate
a'mmaggenà'... 'na palma... 'n'isela... 'ne mare

Cullate da 'st'atmesfera ulletata
e doce doce senza tene' fretta
renchíte d'allegria 'sta serata
gusténneue senza strésse 'sta cenetta

Brendate... ballate... sfreculiate
tutta 'na trata senza mette 'scorne
e, mettìteue còmmede e... spaparacchiate
fine a quanne se fa... jorne

Ppe.. Sse...

Se tra 'ne drìnghe, 'ne balle ó' 'ne... freccecore
nne' c'ìarraccapizze chiú la patta
ca nne' rresce a cuntrellà' í'... bellore
po' sempre corre e i' pe'... fratta

Un matrimonio


Un benvenuto a tutti gli invitati
dallo sposo, dalla sposa e dai famigliari
che, con tanta fantasia ci hanno provato
a maneggiare... una palma... un'isola... un mare

cullati da quest'atmosfera vellutata
e dolce dolce, senza aver fretta
riempiono d'allegria questa serata
gustando senza stress questa cenetta.

Brindate... ballate... abbracciatevi
tutto in una volta senza vergogna
e mettetevi comodi e... a vostro agio
fino a quando si fa... giorno

P.S.

Se fra un brindisi, un ballo o un... friccicore
non ritrovi più la ragione
che non riesci a controllare i... bollori
poi sempre correre per le fratte.

banner
banner

La spetacchiera 'e je barbere


A 'na barberìa tempe fa
'ntratte une che' 'n 'aspette da gagà
tutte 'mpematate e 'mpellecciate
chiedette che' crianza d'èsse' sbarbate.
subbete asseaneria...
s'accomede a 'sta uìa...
ueh!.. uaglìo'... mitteglie sotte
sbrighete... lèuce i' cappòtte.
Je barbere gentile e 'ntemedìte
passènne je penneglìe 'nsapenate
nn' je teccaua manche che' 'nn'ìte
pe' 'n sembrà' cafone e scustemate.
Ma mentre pennellaua chiane chiane
je segnore je fermatte che' lla mane
e che' je mòde che teneua da gagà
se gira che' lla ciòcca... pe' spetà'!
Ma... udènne 'ne bbacile chine 'e terra
se reuòta all'ata parte e... sputa 'n terra!
E comme se niente fusse...
s'arrappeggiatte che' 'ne colpe 'e tosse!
Je fighere s'auampa tutte 'n faccia
e... attente a 'n se fa 'ccorge da lla specchiera
ce spòsta che' 'nne pède... la spetacchièra!

Ma durante chella longa 'nsapenata
ce unette uòglia 'e fa' 'n'ata spetata
e facènne je stesse meumente
e udènne 'n'ata uòta je bbaccile
spetatte ancora 'n terra aglie paumente
e 'sta uòta... 'ne petacce da 'nne chile!
Po'... che je mode che teneua da gagà
se ggira a je barbere spaisate
e ce 'icette... sente...
I' 'nn'oglie èsse' scrianzate
ma se nne' leue 'ste cose 'n terra
cacche spetata... ce uà ffenì' peddente!

La sputacchiera ed il barbiere


In un negozio di barbiere tempo fa
entrò uno con un aspetto da gagà
tutto impomatato ed impellicciato
chiese, con cortesia, di essere sbarbato.
Subito a vostra signoria...
si accomodi su questa sedia
ueh! Ragazzino... mettilo comodo
sbrigati... lavagli il cappotto.
Il barbiere gentile e intimidito
passandogli il pennello insaponato
non lo toccava nemmeno con un dito
per non sembrare cafone e scostumato.
Ma mentre pennellava piano piano
il signore lo fermò con la mano
e con i modi che aveva da gagà
e gira la testa... per scatarrare!
Ma... vedendo un catino pieno di terra
si gira dall'altra parte e... sputa per terra!
E come se nulla fosse...
si appoggiò di nuovo con un colpo di tosse!
Il figaro diventò rosso in volto
e... attento a non farsi accorgere nella specchiera
gli sposta con un piede... la sputacchiera!

Ma durante quella lunga insaponata
gli venne voglia di fare un altro sputo
e facendo lo stesso movimento
e vedendo di nuovo il catino
sputò ancora per terra al pavimento
e questa volta... uno sputo da un chilo!
Poi... con i modi che aveva da gagà
si gira al barbiere spaesato
e gli disse... senti...
io non voglio essere scortese
ma se non togli questo cosa da per terra
qualche sputata... ci termina dentro!

'Ne jorne a... campesante


Sente Neculì'...
'n te sembra ca 'n ce sta segnefecate
ca s'aua destingue ricche e scalcenate
ientre a 'ste giardine 'e repose eterne
fra 'st'alme ch'éue lassate i' munne esterne?

Chiglie che ueue chiamate 'a je Segnore
s'auissera 'ccuncià' che je stesse onore
p'èsse' uguale almene a 'st'ate munne
addo' 'ermime tutte je stesse sonne!

Ma tu che me sta' ddice Geuannì ...
ce sta' chiù destenzione le 'uo' capì'
'uo' mette' tu 'na nicchia 'ngherlendata
che 'na fossa 'ntèrra e 'n' ammecchiata!

Sente Neculì'...
trame 'nnante e cercamela 'e fenì'
ca pe' nnù'... ce sta tempe pe' ce unì'
ma po'... 'ne reparlame fra ossa e ossa
qual'è 'sta defferènza fra nicchia e fossa!

Un giorno al... cimitero


Senti Nicolino...
non ti sembra che non c'è significato
che si debbono distinguere ricchi e scalcagnati
dentro a questo giardino di riposo eterno
fra queste anime che hanno lasciato il mondo esterno?
Quelli che sono chiamati dal Signore
dovrebbero avere lo stesso onore
per essere uguali almeno all'altro mondo
dove dormiamo tutti lo stesso sonno!

Ma cosa mi stai a dire Gionannina...
c'è maggior distinzione, lo vuoi capire
vuoi mettere un loculo tutto inghirlendato
con una fossa in terra e tutti ammucchiati!

Senti Nicolino...
andiamo avanti e cerchiamola di finire
che per noi... ci vuol tempo per venirci
Però... ne riparleremo fra ossa ed ossa
quale è la differenza fra la tomba e la fossa!

banner
banner

Sora...addermita


Comme sì bella Sora 'nsennelìta
remerata da 'ncima a 'sta salita
ammantata dalla brezza 'e lla mmatina
e daglie sonne c'accappa la mmuina.

'Na mane 'e 'ne pittore t'è criata
e spariata pe' 'sta ualle 'nalberata
pretètta da 'ste nere sentenèlle
e daglie sciume che reflètte le stelle.

T'accarezza i' sone 'e 'na campana
che spanne la pregliera pe' lla chiana
e pell'aria se respira sule amore
e de fede se sènte tante addore.

Gente che sònna...
Còre che spera...

'Na sfèra 'e sole s'affaccia da leuante
e squarcia senza còre chiste 'ncante
cagnènne a tutte i titte je culore
e renchiènne le uie d'ombre e de remore


Reuéglia catteuèria e sentemente
e 'rrappiccia j'egoisme de lla gente
smorzènne pe' lle case chella fede
'e chiglie sone che chiù neciune crede!

'N te reuglià' Sora 'nsennelita
ca sì chiù bella quanne stà' 'ddermita
remerata da 'ncima a 'sta salita!

Sora... addormentata


Come sei bella Sora insonnolita
rimirata da sopra questa salita
ammantata dalla brezza mattutina
e dal sonno che copre tutti i rumori.

Una mano di pittore ti ha creata
e sparsa per questa valle alberata
protetta da queste nere sentinelle
e dal fiume che riflette le stelle.

T'accarezza il suono di una campana
che spande la preghiera per la valle
e nell'aria si respira solo amore
e di fede si sente tanto odore.

Gente che sogna...
cuore che spera...

Un raggio di sole si affaccia da levante
e rompe senza cuore questo incanto
cambiando a tutti i tetti il colore
e riempiendo le strade di ombre e di rumori.

Risveglia cattiveria e sentimenti
e riaccende l'egoismo della gente
smorzando per le case quella fede
e quel suono a cui nessuno più crede!

Non ti svegliare Sora addormentata
che sei più bella quando stai dormendo
ammirata da sopra a questa salita!

'N òme 'e culore


Senteme 'ne ccone amiche bianche
i', quante so' nate era... nire
me so' fatte rosse e era... nire
mo', se m'arràbbie, aglia paura
o' m'ammale so' sempre... nire
e pure quante mòre so'... nire

Ma tu amiche bianche
tu, quante nasce sì tutte... rosa
quante deuente rosse sì'... bianche
quante t'arràbbie deuente... ruscie
se t'ammale te fa tutte gialle
se te mitte paura deuente... uerde
po' quante te more deuente tutte... uiòla

Allora amiche bianche
pecchè tu chiame a mme
'òme 'e culore?

(
Omaggio ad un autore sconosciuto)

Un uomo di colore


Ascoltami un po' amico bianco
io, quando son nato ero... nero
ora che son cresciuto sono... nero
se mia arrabbio, ho paura
o mi ammalo sono sempre... nero
e pure quando morirò sarò... nero

Ma tu amico bianco
tu, quando nasci sei tutto... rosa
quando diventi grande sei... bianco
quando ti arrabbi diventi... rosso
se ti ammali ti fai... giallo
se ti spaventi diventi... verde
poi quando muori diventi tutto... viola

Allora amico bianco
perché tu chiami a me
uomo di colore?

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu