Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 13

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

La festa 'e je 'nnammerate


Sa' Ualentì'...
'ssa freccia che fa 'nfiusa de còre
spanne pe' ll'aria tanta frenesia
e j'addore calle e doce de' j'amore
che 'mprefuma tutte j'angule 'e lla uia

'massera. . .
m'arracchemmanne a te ca sì 'ne sante
'e farce teca teca a... je sentemente
sbùsceca e... sellòzza tutte quante
e facce sfrettà' 'ste mageche memente

Brendate... ammeccamente...
occhiate... 'a pesce cotte...
ballate... sfreculamente...
premesse... pe' lla notte...

Che' j'occhie brille e 'uraccia pennelùne
ce s'attraiètta pe' ll'utema 'bbeurata
ca l' foche d'amore... 'nn' auàmpa chiù neciune
pecchè la 'nnòglia... è reuntata 'na paliata!

Sa' Ualenti'...
'st'anne comme è 'ite è 'íte...
ma tu... pròuce sempre a lancià' 'na freccia
ca cacche uòta... 'st'amore... 'nsennelite
'n se sa mai... se reueglia... e spara 'na cartuccia!


La festa degli innamorati


San Valentino...
questa freccia che fa stage di cuori
spande per l'aria tanta frenesia
e l'odore caldo e dolce dell'amore
che profuma tutti gli angoli della strada

stasera...
mi raccomando a Te che sei Santo
di farci solletico ai... sentimenti
smuovi e... scuoti tutti
e facci sfruttare questo magico momento

Brindisi... ammiccamenti...
occhiate... da pesce cotto
ballate... strusciandovi...
promesse... per la notte...

Con gli occhi brilli e le braccia a penzolone
ci attira per un ultima bevuta
perché il fuoco d'amore... non avvampa più nessuno
perché (
libera traduzione) la potenza sessuale è diventata *******
San Valentino...
quest'anno come è andata è andata
me Tu... provaci sempre a lanciare una freccia
perché qualche volta... quest'amore... insonnolito
non si sa mai... si sveglia... e spara un'altra cartuccia!

J'arreuate


Ue... 'ome...
che diaule si ffatte!?
cammine comme a 'nne pepatte
'n te recunosce cchiù
fermete 'ne ccone... reggirete
uardete 'ntorne...
uide quanta gente che soffre
che chiagne ca nne' po' magnà'!
si fatte 'ne pregresse
e t'arrascete 'e quatríne
ma cerca 'e recurdarte
ca è gente che te sta ucine!
percio'... nn' esse' presentuse
e pensa cacche uota...
ca po'... lasse tutte cose!

Colui che si è fatta una posizione


Uhe... uomo...
come diavolo hai fatto?
Cammini come un pupazzo
non ti riconosco più
fermati un po'... girati
guardati intorno...
vedi quanta gente che soffre
che piange perché non può mangiare!
Hai fatto un progresso
ti sei riempito di quattrini
ma cerca di ricordare
che è gente che ti sta vicino!
Perciò... non essere presuntuoso
e pensa qualche volta
che poi... lasci tutte le cose (i beni)!

banner
banner

Caccosa che mòre


I' giardine s'è 'ntrestite
e 'n cima aglie fiùre spernecciate
casca 'n' acquarella fresca
è j'estate che chiagne già la fine

M'attarde ancora fra le frunne
mettènne 'n pace l'alma mia
e chiane chiane appanne j'occhie
pesante e chine de stanchezza






Qualcosa che muore


Il giardino s'è intristito
e sopra ai fiori smosciati
cade un acquerella fresca
è l'estate che piange già la fine

mi attardo ancora tra i fronde
mettendomi l'anima in pace
e piano piano chiudo gli occhi
pesanti e pieni di stanchezza


Je tramonte...


M'abbìe stanche e 'nfreddelite
'entre a 'ne uiale d'ombra scura
lassènneme alle spalle 'ne ciele azzurre
e 'nnanze a me sule l'aria 'e lla sera

Il tramonto...


Mi avvio stanco e infreddolito
dentro un viale d'ombra scura
lasciandomi alle spalle un cielo azzurro
e davanti a me l'aria della sera

banner
banner

A je poete


Uagliù è inutele
ca facite 'i babbaceglie
pecchè nu le sapime
ca state rencreccate
'n cima a 'ssa neuletta
a schempesciareue 'a lle resate.

Ma nù' che' tanta umeltà
e recunescènza
ue dedecame che' tutte i' còre
'ste belle serate 'e poesia.

Sor Riccà'... tu che sì i' capetròppele
che' Tonine, Antonie e Rocchine
mentre pazziate e redite che' San Pietre
nne' ue scurdate...
'e chi ue uò' bene
e ue pensa sempre.

'Nzenbra a j'angele 'n Paraise
'na uòta ogne tante
mannatece 'ne piccule sorrise.

Ai poeti (dialettali)


Ragazzi è inutile
che fate i barbagianni
perché noi lo sappiamo
che state appollaiati
sopra a quella nuvoletta
a scompisciarvi di risate.

Ma noi con tanta umiltà
e riconoscenza
vi dedichiamo con tutto il cuore
queste belle serate di poesia.

Signor Riccardo... tu che sei il capo banda
con Tonino, Antonio e Rocchino*
mentre giocate e ridete con San Pietro
non vi scordate
di chi vi vuole bene
e vi pensa sempre.

Insieme agli angeli del Paradiso
una volta ogni tanto
mandateci un piccolo sorriso.

* Riccardo Gulia, Tonino Iorio , Antonio Parisi, Rocco Tollis

'Na foglia


'Ncima a 'n' albere rensecchite
pennela 'na foglia arrattrappita
nenneriata doce doce daglie uente
pronta pe' se spènne' senza uita

Una foglia


Sopra un albero rinsecchito
pendeva una foglia rattrappita
cullata dolce dolce dal vento
pronta a staccarsi senza vita

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu