Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 14

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

Reflessiune

Riflessioni

J'empegne 'e je politeche
è de sbandierà' idee che nne' tè'
de predecà' urdà che nne' cunosce
de fa' premesse che nne' mantè'!

* * * * *

'Na persona che sà
'e sape' chelle che sà
e sà ca nne' sà
chelle che nnè sa
è 'na persona sauia.

* * * * *

Se guadagna 'e chiù
a mostrarce comme sime
che cercà d'apparì'
chelle che nne' sime.

* * * * *

Je respètte che sa ddè temè
uerse 'ne genetore
ce le recurdame sule
quande le pretendime daglie figlie.

* * * * *

Se une accumela tante solde
è pecchè j'è leuate a tanta gente
e nne' j'e 'ate mai a neciune.


* * * * *

Chi uò' fa' politica
senza spercarse le mane
è comme se facesse la doccia
senza 'nfonnese!

L'impegno dei politici
è sbandierare idee che non ha
predicare verità che non conosce
fare promesse che non manterrà!

* * * * *

Una persona che sa
di sapere quello che sa
e sa di non sapere
quello che non sa
è una persona saggia.

* * * * *

Si guadagna di più
a mostrarci come siamo
che a cercare di apparire
quello che non siamo.

* * * * *

Il rispetto che si deve tenere
verso un genitore
e lo ricordiamo solo
quando lo pretendiamo dai figli.

* * * * *

Se uno accumula tanti soldi
è perché li ha tolti a tanta gente
e non li ha dati mai a nessuno.

* * * * *

Chi vuol far politica
senza sporcarsi le mani
è come se volesse farsi una doccia
senza bagnarsi

La ucchiaia è 'ne teranne
che 'nn ce permette 'e fa'
tutte i piacere 'e la geunezza.

* * * * *

La gente nne' letegarrìa
tante a longhe
se le torte
le tenesse sule une.

* * * * *

La fine 'e lle bène
è 'ne male
ma la fine 'e lle male
è 'ne bène.

* * * * *

Tutte le cose 'nteressante
ò le chiu brutte
teue 'ne late piaceule
basta saperle udè.

* * * * *

I' sonne
è je chiù beglie riale 'e lla natura
e' 'n amiche sencère
'ne refuggie secùre
'ne cunselatore capace.

* * * * *

La grandezza 'e j'òme
sa ddè' sempre rappertà'
che je mèzze ch'èue addeprate
pe' lla treuà'.

* * * * *

È tante rosse i' piacere
quande parlame de nù stesse
ca nne' c'iaccurgime
'e nne' darne neciune
a chi ce stà a sentì'.

La vecchiaia è un tiranno
che non i permette di fare
tutti i piaceri della giovinezza.

* * * * *

La gente non litigherebbe
tanto a lungo
se il torto
fosse solo da una parte.

* * * * *

La fine del bene
è un male
ma la fine di un male
è un bene.

* * * * *

Tutte le cose interessanti
o le più brutte
hanno un lato piacevole
basta saperle vedere.

* * * * *

Il sonno
è il più bel regalo della natura
è un amico sincero
un rifugio sicuro
un consolatore capace.

* * * * *

La grandezza dell'uomo
si deve sempre rapportare
ai mezzi che ha adoperato
per trovarla.
(l'opposto del detto macchiavellico “il fine giustifica i mezzi”)
* * * * *

È tanto grande il piacere
quando parliamo di noi stessi
che non ci accorgiamo
di non darne nessuno
a chi ci ascolta.

banner
banner

Ce chenfessame
i defette chiù piccule
sule pe' ce convince
e annasconne chiglie rosse.

* * * * *

Pò esiste i' mèrete
senza destenzione
ma nn' esiste destenzione
senza cacche mèrete.

* * * * *

Tutte le passiune
te faue chemmette tante sbaglie
ma j'amore
te faue fa' ì' chiù redicule.

* * * * *

La mente de j'òme se destingue
quande concepisce pensiere oneste.

* * * * *

J'ardore 'e lle sangue
cagna i guste 'e lla geunezza
l'abbedutene
cunsèrua chiglie 'e lla ucchiaia.

* * * * *

Sime tante abbituate
a cagnà maschera 'nnante a j'aute
che fenime pe' mascherarce
'nnante a nù stesse.

* * * * *

La cosa chiù semplece
pe' farce peglià' in gire
è crederce sempre
chiù furbe 'e j'aute.

Ci confessiamo
i difetti più piccoli
solo per convincerci
a nascondere quelli grandi.

* * * * *

Può esistere il merito
senza distinzione
ma non esiste distinzione
senza qualche merito.

* * * * *

Tutte le passioni
ti fanno commettere qualche sbaglio
ma l'amore
ti fa fare i più ridicoli.

* * * * *

La mente dell'uomo si distingue
quando concepiste pensieri onesti.

* * * * *

L'odore del sangue
cambia il gusto alla giovinezza
l'abitudine
conserva quelli della vecchiaia.

* * * * *

Siamo tanto abituati
a cambiare maschera davanti agli altri
che finiamo per mascherarci
davanti a noi stessi.

* * * * *

La cosa più semplice
per farci prendere in giro
è crederci sempre
più furbi degli altri.

Poche persone teue 'i done
'e farse capì che' poche parole
ma tante teue la presenzione
'e parlà' tante e nne' dice niente.

* * * * *

J'ommene 'nteleggente
so' chiglie che preducene
la uera ceultà.

* * * * *

J'ostacule chiù rosse
p'affratellà' l'umanetà
so' la nazionaletà e la relegione
la relegione è chiglie peggie.

* * * * *

Nne' è la bellezza che dà i' piacere
ma è i' piacere che dà bellezza.

* * * * *

J'amore pe' la gestizia
è pe' la maggior parte 'e j'ommene
la paura 'e seppertà la 'ngestizia.

* * * * *

A je uecchie piace
'e dà' bone cunsiglie
pe' cunsularse
ca nne' po' dà' chiù chiglie cattiue.

* * * * *

Se n'òme nne' corre rischie
pe' esprime le proprie idee
ò so' le idee che nne' ualene
ò è isse che nne' uale niente.

Poche persone hanno il dono
di farsi capire con poche parole
ma tante hanno la presunzione
di parlare tanto e non dire nulla.

* * * * *

L'uomo intelligente
sono quelli che producono
la vera civiltà.

* * * * *

L'ostacolo più grande
per affratellare l'umanità
sono la nazionalità e la religone
ma la religione è la peggiore.

* * * * *

Non è la bellezza che da' il piacere
ma è il piacere che da' la bellezza.

* * * * *

L'amore per la giustizia
è per la maggior parte degli uomini
la paura di sopportare l'ingiustizia.

* * * * *

Ai vecchi piace
di dare i buoni consigli
per consolarsi
che non può dare più quelli cattivi.

* * * * *

Se un uomo non corre rischi
per esprimere le proprie idee
o sono le idee che non valgono
o e lui che non vale niente.

banner
banner

N'òme comune
rièsce a ude' sule 'na cosa
j'òme 'e talente
ne rrèsce a udè 'na decina
je genie
ne uede a megliara.

* * * * *

Le idee so' sempre bòne
quande se trasformene in azione.

* * * * *

Le tradeziune so' 'na bella cosa
da tene' 'ddacunte e respettà'
ma nne' pote' èsse'
'na fune che ce t'è' 'ncatenate.

* * * * *

Le criature chemènzene
ca uote bène aglie geneture
po' criscene e je giudechene
e po' spisse se ne scòrdene.

* * * * *

Nne' se 'ncontra mai dù uòte
la persona ideale
pecchè è già rare
'ncuntrarla 'na uòta sola.

* * * * *
Chi uà ustùte 'ne ccone trasandate
mette 'n mostra cacche piccule defètte
ma chi uèste trate e 'mpellecciate
uizie e defètte j'annasconne 'mpette.

* * * * *

Quande me strigne la mane
sènte tutte chelle che m'ò 'ice
m'abbasta 'e sape' ca me sta' ucine.

Un uomo comune
riesce a vedere solo un cosa
l'uomo di talento
riesce a vederne una decina
il genio
ne vede a migliaia

* * * * *

Le idee son sempre buone
quando si trasformano in azione.

* * * * *

Le tradizioni sono una bella cosa
da tenere da conto e rispettare
ma non possono essere
una fune che ci tiene incatenati.

* * * * *

I bambini iniziano
a voler bene ai genitori
poi crescono e li giudicano
e poi spesso se ne scordano.

* * * * *

Non si incontra mai due volte
la persona ideale
perché è già raro
incontrarla una sola volta.

* * * * *
Vi và vestito un po trasandato
mette in mostra qualche piccolo difetto
ma chi veste tirato ed impellicciato
vizi e difetti li nasconde al petto.

* * * * *

Quando mi stringi la mano
sento tutto quello che i vuoi dire
mi basta di sapere che mi stai vicino.

Le stelle...
leccecante occhie deràte
d'angele 'nnamerate
che se reflèttene
'entre all'acque azzurre de lla terra

Le stelle...
meragge 'e lla notte
becìe 'nderate
'n mese a 'ne ciele de sogne
'nfenite luce eterne
che se sperdene
'entre alle scùre immènse.

* * * * *

'Ne delitte è sempre 'na volgaretà
'na volgaretà è pur sempre 'ne delitte.

* * * * *

I' corpe nasce gioune
e revènta uecchie
chiste è i sènse 'e la vita
l'anema nasce uècchia
e reuenta gioune
chiste è i sènse 'e lla morte.

* * * * *

Uale sempre la pena
'e fa' 'na domanda
ma nne' sempre
uale la pena 'e dà' 'na resposta.

* * * * *

Neciune òme 'nteleggente
regnagne 'e piacere 'e sapè'
ma neciune 'ngnerante cunuscerà mai
'e ualore 'e 'ste piacere.

* * * * *

Chelle ch'è triste
quande si' uecchie
è ca te sente ancora
sempre gioune.


* * * * *

Se chiude j'occhie
pure le bianche reuènta nire.

* * * * *

Caschene foglie d'òre
da j'albere sfrennate
c'abbelene tutte i sogne
e desedèrie mai appagate

Le stelle...
luccicanti occhi dorati
di angeli innamorati
che si riflettono
dentro le acque azzurre della terra.

Le stelle...
miraggi della notte
bugie indorate
in mezzo ad un cielo di sogno
infinite luci eterne
che si perdono
dentro il buoi immenso.

* * * * *

Un delitto è sempre una volgarità
una volgarità è pur sempre un delitto.

* * * * *

Il corpo nasce giovane
e diventa vecchio
questo è il senso della vita
l'anima nasce vecchia
e diventa giovane
questo è il senso della morte.

* * * * *

Vale sempre la pena
di fare una domanda
ma non sempre
vale la pena di dare una risposta.

* * * * *

Nessun uomo intelligente
rimpiange il piacere di sapere
ma nessun ignorante conoscerà mai
il valore di questo piacere.

* * * * *

Quello che è triste
quando si è vecchi
è che ti senti ancora
sempre giovane.


* * * * *

Se chiudi gli occhi
anche il bianco diventa nero.

* * * * *

Cadono foglie d'oro
da alberi sfrondati
ci seppelliscono tutti i sogni
e desideri mai appagati.

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu