Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 2

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

'N albere uecchie


Me sò' abbecenate a 'n'albere 'ngiallite
ca sò' 'ntrauiste dù' lettere sbiadite
'na gge... e 'na mme... mesa scurzata
scauate da cacche mane 'nnamerata
me sò' fermate...

Quante recorde me reuéue 'mmènte
'e chelle cose che mo'... 'n se fà chiù niente
quanne faciue da refuggie e nascunniglie
pe' lle pazzie 'e tutte je uaglieniglie

'Nnascunniue je chiante e je lamente
'e chell'alma che sfegaua i' termente
facènne 'a chenfessore a tante còre
e testemonie a cacche prime amore
te sò' uardate...

'Sse ràmera che pennene sfrennate
che parene uraccia 'ncatenate
'n téue ne' petere e ne' chiù forza
pe' rebbellarse a ne' reuntà' 'na torza!

Comme è triste uderte accucì spoglie
che tante storie e tante pise 'ncoglie
e 'ste còre sòffre e 'n s'accapacia
saperte destenate a reuntà... uràcia!

Un albero vecchio


Mi sono avvicinato ad un albero ingiallito
perché ho intravisto due lettere sbiadite
una G... ed una M... mezze rovinate
scavate da qualche mano innamorata
mi son fermato...

Quanti ricordi mi ritornano in mente
di quelle cose che ora... non se ne fa più nulla
quando faceva da rifugio e nascondiglio
per i giochi dei ragazzini

Nascondevi i pianti ed i lamenti
di quell'anima che sfogava i tormenti
facendo da confessore a tanti cuori
e testimone a qualche primo amore
ti ho guardato...

Questi rami che pendono senza foglie
che sembrano braccia incatenate
non hanno ne' potere e ne' più forza
per ribellarsi e non diventare scarto!

Come è triste vederti così spoglio
con tante storie e tanto peso addosso
e questo cuore soffre e non si dà pace
saperti destinato a diventar... brace!

La mela e la meluccia


Uardeme...
sò' bella roscia e 'llecedata
e facce unì' uòglia d'esse' meccecata
sò' i' chiù beglie frutte
sò' l'attrazione 'e tutte

Tu 'nvece...
piccula e mpreulita
brutta e rattrappita
comme te permitte
a stamme derempètte?

Scuseme sòre' mia 'n te preccupà'
'n ta ddè' chiù abbreugnà'
ca i' stònghe a schemparì'
Pro'... 'na cosa addè' capi'
i' sò' piccula e 'ncrapenìta
e uenghe pure desprezzata
pro' so' semplece e saprita
ca 'n so' stata culerata

Tu 'nvece...
c'auante 'ssa bellezza fòre
che 'nganna tutte i' chempratore
jamme...icimmacelle nù
tu i' sapore... nne' je te' chiù!

La mela e la meluccia


Guardami...
sono bella rossa e lucidata
e faccio venir voglia di essere morsa
sono il più bel frutto
sono l'attrazione di tutti

Tu invece...
piccola ed impolverata
brutta e raggrinzita
come ti permetti
di starmi dirimpetto?

Scusami sorella mia, non ti preoccupare
non ti devi più vergognare
perché sto' per scomparire
però... una cosa devi capire
io sono piccola e abbruttita
e vengo anche disprezzata
però sono semplice e saporita
perché non sono stata colorata

Tu invece
che ti glori di questa bellezza esteriore
per ingannare tutti i compratori
dai... diciamocelo fra di noi
tu il sapore... non ce l'hai più

banner
banner

Je terramute


Arriua 'na seccòsta a lla 'mpreuísa
cariènne morte cupa e selenziosa
e 'oppe 'e 'nne menute è 'nne treteglie
comme s'addeprasse je rastreglíe!

Pe' je cele se spanne je lamente
e dalle macère s'attecchia sule i' chíante
de lle pòr'alme abbelate 'a je mmatune
de je saleuate che 'n teue chiù neciune!


Facce 'nterchenite...
occhie sbauttite...
grida seffecate...
chiante desperate...

J'addore 'e íe delore stregne 'n pette
pe' chest'alme che 'nn'èue state predelette
che soffrene je morte e teue je lutte
e le lagreme che ièttene so' assutte!

'Na natura 'ngrata semmena delore
e 'sta sorda umanetà 'nn' arrape i' core
ma 'n cima a 'sta 'sgrazía nazienale
c'iazzuppa je sciacalle pe' farze i' capetale!



Il terremoto


Arriva una scossa all'improvviso
portando morte cupa e silenziosa
e dopo un minuto è una tragedia
come se si fosse adoperato un rastrello

Per il cielo si spande il lamento
e dalle macerie si sente solo il pianto
delle povere anime coperte dai mattoni
e dei superstiti che non hanno più nessuno!

Facce impaurite...
occhi spalancati...
grida soffocate...
pianto disperato...

L'odore ed il dolore stringe il petto
per queste anime che non sono state predilette
che soffrono per i morti e portano il lutto
e le lacrime che buttano sono asciutte!

Una natura ingrata semina il dolore
e questa sorda umanità non apre il cuore
ma sopra a questa disgrazia nazionale
attinge lo sciacallo per farsi il capitale!

NOTTE AMICA


Oh... notte
amica oscurità
possa tu restar perenne
e mascherar coll'ombra
il turpe vilipendio
di questa umana specie.
E tu... giorno
lungi dal venire
a diradar quest'ombra
che culla speranzose membra
perché il tuo alzar
da' fuoco
al crudo risvegliar dell'odio
e del dolore dell'essere perduto!

banner
banner

Bianca chiesetta rencreccata


Bianca chiesetta sola e rencreccata
`n cima a`sse colle griggie e`llemenate
rrescie a mmanià' pe' tutta la nettata
`n'addore de pace doce e ulletate.

`E `sta ualle si la sentenella
che ueglia i' sonne 'ell'alme fedele
mentre pazzie e fa 'nnascunnarella
`nzembra ai 'astre che pittene i' cele.

'Sse campanile che tretteca 'ngrugnate
che 'na campana che fa i' babbaceglie
pare `ne guerriere allampanate
che' lle nuele je faue da mantiglie.

Bianca chiesetta rencreccata.

`Se piccule rentòcche seffecate
`e sone lamentuse `e lla campana
se sprèscia `e recurdà' chi c'è criate
spannènne `ne rechiame pe' lla chiana.

E' `nutele ca t'abbotte 'e scampanià'
ca l'alme so' sberrite e senza fede
e `n tròune cchiù tempe pe preià'
pecche a`sse sone cchiù neciune crede.

Ma tu pròuce.. . 'nsiste... rentòcca
Spànnela sempre `sa musica 'ncantata
che 'lla spranza ca cacche còre je tocca
e che j'òme perdute 'ntercètta 'ssa chiamata.

Bianca chiesetta sulla collina



Bianca chiesetta sola e svettante
sopra a questo colle grigio ed illuminato
riesci a mandare per tutta la nottata
un odore di pace dolce e vellutato.

Di questa valle sei la sentinella
che veglia il sonno delle anime fedeli
mentre giochi e fai a nascondino
insieme agli astri che dipingono il cielo.

Quel campanile che oscilla arrabbiato
con una campana che fa il barbagianni
sembri un guerriero attento
con le nuvole che ti fanno da mantello.

Bianca chiesetta svettante

Quel piccolo rintocco soffocato
il suono lamentoso della campana
si sforza di ricordare chi ci ha creato
spandendo un richiamo per la valle.

È inutile che ti sforzi di scampanare
perché le anime sono perse e senza fede
e non trovano più tempo per pregare
perché a questo suono più nessuno crede.

Ma tu provaci... insisti... rintocca...
spandila sempre questa musica incantata
perché la speranza qualche cuore lo tocca
e l'uomo perduto intercetta questa chiamata.

Je barattele


Comme sò' cagnate!
è uere ca m'èue cremate...
allecedate... 'ntechettate
ma... sò' state accantenate.
Prima era brutte... arrazzenite
me chiappaua le sampate...
rembalzate... sbeciacchiate...
ma... faceua parte de lla uia
Quande se pazziaua c'allegría!


Il barattolo


Come son cambiato
è vero che mi hanno cromato...
lucidato... etichettato...
ma... sono stato allontanato.
Prima ero brutto... arrugginito
mi si prendeva a calci...
rimbalzavo... mi bucavano...
ma... facevo parte della via
quando si giocava con allegria!

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu