Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 4

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

Je tocce e la sciolda


'Ne geudì mmatina aglie mercate
'ucìne a 'nn òme renfregnate
s'abbecenatte 'na femmena piatosa
che petelaua 'e farse da' ca' ccosa.


'uane bella fe' ca tu 'n te' preccupazíone
e che' 'sse chiagnesdè' te fa' 'na pesezione
'nvece i' crèpe notte e jorne pe' sfangà'
perciò pe' je unore 'e Ddi' lasseme sta'!



Abbiata a te rebbatte la piatosa petelante
tu te' i' solde ca si 'ne chemmerrcíante
'nvece i' pèrella tenghe 'ne tocce' 'e casetta
'ne tocce 'e campeceglie e cc'ata cusetta.

Bella fe'... uide 'e sparì' subbete,
ca tu... chìagnènne e ciaulènne
te' tutte 'sse tocce...
i'... paiènne e iastemènne
tenghe... 'na sciolda 'e iebbete!

Il duro ed il molle


Un giovedì mattina al mercato
vicino ad un uomo incavolato
si avvicinò un donnicciola lamentosa
che elemosinava per farsi dare qualche cosa.

Vai via bella donna che non hai preoccupazioni
e con questo piagnucolare ti fai una posizione
invece io crepo notte e giorno per tirare avanti
perciò per l'onore di Dio lasciami stare!

Beato te ribatte la pietosa petulante
tu hai i soldi perché sei commerciante
invece io poverella ho un pezzo di casetta
un piccolo campo e qualche altra cosetta.


Bella donna... vedi di sparire subito,
perché tu... piangendo e frignando
hai tutte queste cosette
io... pagando e bestemmiando
ho... un mucchio di debiti!

(
la traduzione in italiano, purtroppo, perde molto del senso che ha in dialetto)

'Na reflessione...


Ularrìa fermà' 'ste sporche munne
e sfrennà' l'alme de lla gente
pe' uderle nude... senza frunne
e rrescì' a capì'... che teue 'mmente!

Una riflessione


Vorrei fermare questo sporco mondo
e liberare l'anima delle persone
per vederle nude... senza orpelli
e riuscire a capire... cosa hanno in mente!

banner
banner

'Ne fiore che 'nn'è sbecciate


Piccule cureceglie 'ndebbelite
te si affaccìata senza fa' remore
che' lla purezza 'e chi nne' t'è peccate
pertènne tanta gioia e tante 'elore.

Me simbre 'ne bocciòle 'e rosa
bella... prefemata e senza spine
che... chiamata 'a je Segnore se reposa
'n mese a je candore 'e 'sse lettine.

Sariste stata amata e cucchelata
ma 'n t'èue fatta remane' 'n cima a 'ste munne
pe' 'n fa' spercà' chess'anema pelita
e... t'èue rechiamata pe' j'eterne sonne.


'N c'iappote lagreme pe' cunsela je còre
'e chesta mamma che t'è parterita
pe' comme è triste chiena de delore
e 'n se rassegna ca te ne sì 'ita.

Mo'... che sta' che' j'angele 'n Paraìse
'n te ne scurdà...
mannece ogne tante... 'ne serrìse.

Un fiore che non è sbocciato


Piccolo cuoricino indebolito
ti sei affacciata senza far rumore
con la purezza di chi non ha peccato
portando tanta gioia e tanto dolore.

Mi sembri un bocciolo di rosa
bella... profumata e senza spine
che... chiamata dal Signore si riposa
in mezzo al candore di questo lettino.

Saresti stata amata e coccolata
ma non ti hanno lasciata su questo mondo
per non far sporcare quest'anima pulita
e... ti hanno richiamato per l'eterno sonno.

Non bastano le lacrime per consolare il cuore
di questa mamma che ti ha partorito
per come è triste e piena di dolore
e non si rassegna che sei andata via.

Ora che stai con gli angeli in Paradiso
non ti scordare...
mandaci ogni tanto... un sorriso.

La ciammaruca e je celluccie


Pe' ppiacere a ssegneria
le sa' comme sò' lenta a cammenà'
ma tu che po' ulà'... 'imme
je munne comme uà?

Cara ciammaruca mia
è scurta l'allegria
e regna odie e pecundrìa
'n t'accorge comme uà
ca 'n ce ueue chiù a chiappà'
chesta è la 'urdà ... je munne
se stà a scapecullà'!

La lumaca e l'uccellino


Per piacere a vostra signoria
lo sai come sono lenta nel camminare
ma tu che puoi volare... dimmi
il mondo come va?

Cara lumaca mia
è finita l'allegria
e regna odio e rancore
non ti accorgi come mai
non vengono più a prenderci
questa è la verità... il mondo
si sta a scapicollare!

banner
banner

Je pertecalle


Addenga fà' 'n'esposte
ca uoglie reclamà'
e darce 'na seccòsta
a 'sta cieca umanetà'.

Nn'è uere ca me sprèscene
e uenghe 'mbettegliate
ma tutte se ne freghene
e fenisce spetacciate
chesta è la 'urdà!

L'arancia


Debbo fare un esposto
perché voglio reclamare
e dare una scossa
a questa cieca umanità.

Non è vero che mi spremono
e che vengo imbottigliato
ma tutti se ne fregano
e finisco schiacciato
questa è la verità!

La strangulozza




Pizza straccia ...ò' bone capetacce?
chiste è je delèmme 'e 'ste pore chemune
ca 'nvece de cèrne' je prebleme a setacce
scròcchene... 'mbrèbbene e 'n se mòue neciune!
'nchianate a je poste che s'eue abbramate
s'è 'nchite je palche 'e pepatte d'atture
che 'nn' aria 'a uazzuse e... spaparacchiate
arraffene 'e tutte da je stesse ...cutture!
Chi tira... chi molla... chi tira
pe' 'n pèrde' je poste 'n carròzza
e, tenènne le sèggie... sotte mira
pe 'ncullarsele sotte e fa'... strangulozza!
Remolla... retira... remolla
se scòrnene senza... 'breuogna
pegliènne pe' fessa la folla
mentre Sora perèlla... reuènta 'na fogna!
Mme-sse... ppe-sdde... dde-cce... cu-ccù
me uè' i' geramente de ciòcca
mme-ppe... ppe-sse... ppe-cce... pu-ppú
e le fèle m'arriua a la uocca!
Se 'nfrigna... se 'mbròglia.. se magna
se 'struglie... se ferma... se sfascia
e pe' Sora je destìne ne' cagna
s'assecca... se mòre... s'accascia!
Me uè' uoglia 'e 'nfercà' 'ne turtúre
e, da destra a senistra... coglie pe' coglie
farce 'na 'nfiusa 'e tutte 'st'atture
e dà' terterate... addo' còglie còglie!

L'altalena

(non traducibile, nenia cantata dai bambini, tipo pari o dispari, esce o non esce?)
questo è il dilemma di questo povero comune
che invece di cernere i problemi col setaccio
scroccano... imbrogliano e non si muove nessuno!
Seduti a quel posto che hanno desiderato
si è riempito il palco di pupazzi e di attori
con un'aria sprezzante e... superiore
prendono tutti dallo stesso piatto!
Chi tira... chi molla... chi tira...
per non perdere il posto in carrozza
e, tenendo le sedie... sotto mira
per incollarsele sotto e fare l'altalena!
Rimolla... ritira... rimolla
si scornano senza... vergogna
prendendo per stupida la folla
mentre Sora, poverella diventa una fogna!
MSI, PSDI, DC, CU-CCU (
verso intraducibile)
mi vengono i giramenti di testa
MP, PSI, PCI PU-PPU (
verso intraducibile)
ed il fiele mi arriva in bocca
Si intruglia... si imbroglia... si mangia
si distrugge... si ferma... si rovina
e per Sora il destino non cambia
inaridisce... muore... sfinita!
mi vien voglia di prendere un bastone
e, da destra a sinistra... collo per collo
fare una sfilza di tutti questi attori
e menar botte... dove prendo prendo!

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu