Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 5

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

'Ne sonne strane


Sseppechènneme 'a tutte je penziere
se reueglìa 'e colpe je passate
e me retròue 'n mese a 'nne sentiere
ombrate da gl'albere 'nfrennate.
Na spèra 'e sole 'llumena i' criate
e tutte 'ntorne sembra 'na pettura
e je pette me se 'rrenghie de refiate
'e j'addore doce 'e lla natura.
Sènte le uoce cariate da je sciume
rembalzènne da je retone a lla jemata
'e 'nna morra spensierate de cucciune
che sguazzene facènne 'na natata.
Femmene 'ngenecchiate 'n mese all'acqua
che lucceca comme a 'ne crestalle
laune panne lenzòla e caccauèlle
cantènne felice 'ne sternèlle
che munne...
oh... ma ch'è seccese... addo' me tròue
che so' 'ste nuele 'e cemente
'st'aría che n' se 'spira ch'è pesante
e l'èrua che n' cresce pe' nniente
e de celluccie n' se sènte chiù je cante.
La uoce de je sciume s'è 'mmepita
'nzembra a lla 'llegría de lla gente
e l'acqua scorre 'nnante rentredita
caríènne fanghe chine de lamente.
M'èsce 'n pette 'ne strílle pe' je munne
pe' je treteglie che sime chembenate
'e lla 'ngurdizia s'è teccate i' funne
facènne a ccorza pe' 'struglie le criate.
che sonne...

Un sonno strano


Dimenticando tutti i pensieri
si sveglia di colpo il passato
e mi ritrovo in mezzo ad un sentiero
ombrato da alberi frondosi.
Un raggio di sole illumina il creato
e tutte intorno sembra una pittura
ed il petto mi si riempie di aria
dell'odore dolce della natura.
Sento le voci che arrivano dal fiume
rimbalzando dall'argine al rotone
di un mucchio spensierato di ragazzi
che sguazzano facendo una nuotata.
Donne accovacciate in mezzo all'acqua
che brilla come un cristallo
lavano panni, lenzuola e utensili
cantando felice uno stornello
che mondo...
oh... ma che è successo... dove mi trovo
cosa sono queste nuvole di cemento
quest'aria che non si respira, che è pesante
e l'erba che non cresce per niente
e degli uccelli non si sente più il canto.
La voce del fiume si è azzittita
insieme all'allegria della gente
e l'acqua scorre avanti intorpidita
portando fango pieno di lamenti.
Mi esce dal petto un urlo per il mondo
per il tritello che abbiamo combinato
e per la ingordigia si è toccato il fondo
facendo una corsa per distruggere il creato.
Che sonno...

La teleuisione


C'iabbasta 'ne bbettone
ca ddè' ccalecà'...
e pe' tutta la serata
nne' po' chiù ciaulà'!
Adde' remane' 'mpalate
e senza fa' 'ne fiate
ca 'sta caula 'e ttevvù
sta sempre rettemmese
e j'accorde 'n ce sta cchiù
ca le nèrua so' ttese!
Chíste è je pregresse
che uà 'nnante che' ragíone
ma i'... l'appecciasse
'sta teleuisione!

Il televisore


Basta un bottone
che devi premere...
e per tutta la serata
non si può più chiacchierare!
Devi rimanere impalato
e senza far rumore
perché questa cavolo di televisore
sta sempre in mezzo
e l'accordo non ci sta più
perché i nervi son tesi!
Questo è il progresso
che va avanti con ragione
ma io... gli darei fuoco
a questo televisore!

banner
banner

'N 'ome 'e parola


Ogne sera...
rencasaua barcullènne e tunne tunne
iastemènne le 'ngestizie de' je munne
appeggènnese a' 'nne mure o' 'nna canàla
pe' n' se 'nfrecià' e n' fa' 'na capriòla.
Se lamentaua ch'èra scurta la parola
e la gente raggenaua che' lla cola
abbettènne je por'òme de premesse
e senza sedore se faceua 'rosse.
Feneua 'n gloria la cuntestazione
a ddù' tre metre dall'abetazione
che 'lla sculàta 'e gl'iuteme quartucce
a' 'nna cantina che steua agl'iangulucce.
'Na sera...
se 'mpentatte comme a' 'nna pentina
a poche passe 'e ll'utema cantina
e battènnese aglie pette la crugnòla
se 'ulette demestrà' 'n'òme 'e parola.
Paulù'...
'ncianfrecatte che' 'na uoce fina fina
se... rresce a passà' 'st'utema cantina
e 'n te fà' fregà' 'lla tentazione
addemane t'ònghe 'a bbeue 'oppia razione.
E... gerènnese all'ata parte che' lla faccia
e 'mpaunènnese comme a' 'nna ppappaccia
mettette je 'uracce 'nnante a mo' de spata
facènne chiglie tre metre che' 'nna trata.
Ma... fù accucì cuntente 'e chell'azione
ca se ulette 'ntecepà' l'oppia razione
p'èsse' 'e parola e pe' respettà' i' patte
riette arrète... pe' chiude j'uteme atte!

Un uomo di parola


Ogni sera...
rincasava barcollando e tondo tondo (pieno pieno)
bestemmiando per le ingiustizie del mondo
appoggiandosi ad un muro o ad una grondaia
per non cadere e non fare una capriola.
Si lamentava che era finita la parola
e la gente ragionava con la coda
riempiendo i poveri uomini di promesse
e senza sudare si faceva grande.
Terminava in gloria la contestazione
a due o tre metri dall'abitazione
con la scolata dell'ultimo quarto di vino
ad una cantina che stava all'angolo.
Una sera...
si impuntò come un chiodo
a pochi passi dall'ultima cantina
e battendosi il petto con il pugno
volle dimostrare di essere un uomo di parola.
Paoluccio (diminutivo di Paolo)
biascicò con un voce sottile sottile
se... riesci a passare quest'ultima cantina
e non ti fai fregare dalla tentazione
domani di darò da bere doppia razione.
E... girando la faccia dall'altra parte
e gonfiandosi come un tacchino
mise il braccio avanti a mo' di spada
facendo quei tre metri velocemente.
Ma... fu così contento di quell'azione
che volle anticipare la doppia razione
per essere di parola e rispettare il patto
tornò indietro... per chiudere l'ultimo atto!

Oh... munne


Munne che nne' pense
munne che nne' preíe
munne che la fede chiù nne' sente
munne che t'addorme 'ndefferente

Munne sfregliate e 'nsezzelíte
che l'alme 'e je credente sì strecate
e senza respette pe' chi t'è parteríte
sì panunte tutte chelle ch'è criate

Munne sorde a tutte i chiante
munne che 'n t'accorge 'e je desastre
munne che te 'rrínghie de lamente
munne che chiù sta' e chiù te 'mpiastre

Munne 'nsangulente e marteriate
che je culore 'e lla gente nne' respette
e a 'nna mane che uè' tesa nne' c'iabbate
munne che je còre 'n te' chiù 'mpette

Munne che nne' pense
munne che nne' preíe
munne che la fede chiù nne' sente
munne che te 'struglie 'ndefferente

Oh... mondo


Mondo che non pensi
mondo che non preghi
mondo che la fede più non senti
mondo che dormi indifferente

mondo sfrangiato e sporcato
che l'anima dei credenti hai distrutto
e senza rispetto per chi ti ha partorito
hai unto tutto quello che è stato creato

mondo sordo a tutti i pianti
mondo che non ti accorgi dei disastri
mondo che ti riempi di lamenti
mondo che più stai e più ti sporchi

mondo insanguinato e martoriato
che il colore della gente non rispetti
ed ad una mano viene tesa non dai retta
mondo che non hai più cuore in petto

Mondo che non pensi
mondo che non preghi
mondo che la fede più non senti
mondo che muori indifferente


banner
banner

ACQUA NUOVA


E' il ciclo della vita
che ininterrotto cade
limpida
purificata
libera
rinnovata
priva del male
piena di speranza
ma... il toccare la terra
ti sveglia a realtà
cruda
senza scampo
di nuovo intorbidita
dal male dei potenti
raccogli ancor lamenti
è il ciclo della vita!

Chi è je strunze?


'Ne pore fessacchìotte 'e je paese
s'appresentatte 'nnante a je pretore
ch'era aùte j'ardire e lle pretese
'e farse crede' sinneche o' assessore!
Quanne la legge je 'nterrecatte
respennette che 'nna uoce chiatte chiatte
Comme... 'gnore preto'...
lore faue je strunze pe' tante anne
senza mettese scorne...
e ì'... che so' già strunze e me n'auanne
pecche' 'n pòzze esse' sinneche
sule pe' 'nne jorne?

Chi è lo stronzo?


Un povero fessacchiotto del paese
si presentò davanti al pretore
perché aveva avuto l'ardire e la pretesa
di farsi credere sindaco o assessore!
Quando la legge lo interrogò
rispose con una voce piano piano
come... signor pretore...
loro fanno gli stronzi per tanti anni
senza mettersi vergogna
ed io... che sono già stronzo e me ne vanto
perché non posso essere sindaco
solo per un giorno?

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu