Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 6

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

'N' ellusione


S'èue 'ncuntrate tutte ì petente
pe' crià' 'na base de pace e de spranza
ma... so' sule parole iettate a je uente
e... la guerra uà 'nnante senza crianza!

Una illusione


Si sono incontrati tutti i potenti
per creare una base di pace e di speranza
ma... sono solo parole buttate al vento
e... la guerra va avanti senza ragione!

Je sciume che nne' sente


Scíume amiche... sciume 'ngannatore
che surde e lemacciuse scurre 'nnante
e senza abbadà' a tutte je dolore
te scrùglie tutte arrete 'ndefferente

Mentre fa 'ssa longa 'ttraurzata
te gunfie de sperchizía e de termente
e ammíschie facènne 'na 'ncarrata
le lagreme e je lamente 'e tanta gente

Sbruffe e rembalze senza sosta
e trestamente te tracine e 'n te rebbelle
e t'attraiette p'arreuà' 'lla costa
addo' more e scareche í' fardelle

Je sole te rescalla e te svapòra
e je uente te sparpaglia e t'arraccocchia
'na nuela refurme e casche ancora
e la terra 'n'ata uòta te resucchia

Renasce ancora chiare e repelite
e raccoglie sempre lagreme e lamente
ca da 'st'umanetà reue' 'ntredite
e surde... scurre 'nnante 'ndefferente.



Il fiume che non sente


Fiume amico... fiume ingannatore
che sordo e limaccioso scorri avanti
e senza notare tutto il dolore
ti lasci tutto dietro indifferente

mentre fai questa lunga attraversata
ti gonfi di sporcizia e di tormenti
e mischi facendone un fagotto
le lacrime ed i tormenti di tanta gente

Sbuffi e rimbalzi senza sosta
e tristemente vai avanti e non ti ribelli
e ti senti attratto per arrivare alla costa
dove muori scaricando i fardelli

Il sole ti riscalda e ti fa evaporare
ed il vento ti disperde e ti riaccoppia
una nuvola riformi e cadi ancora
e la terra un'altra volta ti risucchia

rinasci di nuovo chiaro e ripulito
e raccogli sempre lacrime e lamenti
che da questa umanità vieni riintorbidito
e sordo... scorri avanti indifferente.

banner
banner

La coppa 'e campiune


'Ne fischie se spanne pell'aria
'na palla che schizza e rembalza
se lotta p'aue' la uttoria
ma... 'e colpe ie còre sebbalza!
'Na uoce smerzata 'e crenista
nne' nnommena aziune de spòrte
ma 'e por'alme allonga 'na lista
ca a 'nna curva è calata... la morte!
Se corre... se scarta... se tira
e da' je stadie s'arrizza i' lamente
'e 'nn' at'alma 'ffegata che spìra
ma... je joche continua ca 'n sènte!
Se gira je campe mestrènne i' trefèie
passènne ucine a lla curva 'e lla morte
chell'alme strencate... so' trentanoue
e 'nn' èue appetute a fermaglie 'ste spòrte!
Gesù... 'sta coppa...
è tutte 'ne 'nsulte...
nna' dd' èsse' assegnata
ch'è 'nsangulentata
e... chiena de lutte!

La coppa dei campioni


Un fischio si spande per l'aria
una palla che schizza e rimbalza
si lotta per avere la vittoria
ma... di colpo il cuore sobbalza!
La voce smorzata del cronista
non nomina azioni si sport
ma delle povere anime allunga la lista
perché ad una curva è scesa... la morte
Si corre... si dribbla... si tira...
e dallo stadio si alza il lamento
e un'altra anima soffocata che spira
ma... il gioco continua e non sente!
Si gira per il campo mostrando il trofeo
passando vicino alla curva della morte
quelle anime stroncate... sono trentanove
e non sono riusciti a fermare lo sport!
Gesù... questa coppa...
è tutto un insulto...
non doveva essere assegnata
perché è tutta insanguinata
e... piena di lutto!
(
scritta dopo la partita Juve Liverpool - 29 maggio 1985 - tragedia Heysel)

Je dubbie


'N sacce s'è meglie...
frenà' la uoce 'e lla cuscenza
ò'... fusse meglíe...
íttà' fòre chelle che se pènsa!
E' je dubbie c'assilla le mente
e nasconne je ualore 'e lla gente
e le rènde 'ncapace e 'mpetènte
pe' chembatte' e' struglie' i petènte!

Il dubbio


Non so se è meglio
frenare la voce della coscienza
o... se fosse meglio...
buttare fuori quello che si pensa!
È il dubbio che assillala mente
e nasconde il valore della gente
e rende incapace ed impotente
per combattere e distruggere i potenti!

banner
banner

'Na reflessione


Ma nu'... che ssime?
pecchè nne' reflettime
pe' lla prèscia d'arreuà'
spetacciame la urdà
sapime ca sbagliame
ma... n' ce rescime cuntrellà'
e... chíane chiane c'iaccedime!

Una riflessione


Ma noi... chi siamo?
Perché non riflettiamo
per la fretta di arrivare
schiacciamo la verità
sappiamo che sbagliamo
ma... non ci riusciamo a controllare
e... piano piano ci ammazziamo!

Je uote


'N seccede tante spisse
ca capeta ogne tante
ma pe' je gedecà'...
si aùte tempe pe' penzà'.
Se íentre a chiste tempe
te s'èue scurtecate...
e s'èue bbeglie e sestemate
che te la ddè' peglíà'
ca tu je si utate!
Perciò quanne recapeta
i' jorne 'e lla urdà
cerca 'e fa' 'na cerneta
e uide 'e nne' sbaglià'!

Il voto


Non succede molto spesso
ci capita ogni tanto
ma per giudicarli...
hai avuto tempo per pensare.
Se entro questo tempo
ti si son rosicati
e si son belli e sistemati
con chi vuoi prendertela
perché tu li hai votati!
Perciò quando torna
il giorno della verità
cerca di fare una cernita
e vedi di non sbagliare!

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu