Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 8

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

Je strummele


'Na jernata che 'n teneua niente 'a fà'
azzeccate 'n cima agl' iasteche a sbescecà'
spostènne sèggie scatele e uècchie 'mbrèlle
fra prole babbalòtte e caccauèlle
me capetatte 'n mane ancora 'nzagagliate
'ne strùmmele che tre ò' quatte pengulate.


M'assettatte...
sentette i' còre che batteua
e fòre i' uente che scesciaua

Pensatte...
a j'anne spensierate e felice
de' j'orne chiù beglie 'e lla uita
ma a chi le uà' dice!
Bastaua 'ne pezze 'e legname
pe' te scurdà' ca te teneua fame
la gente era bòna e respettosa
e cantaua cuntènta chiena 'e fede
pesènne i' ualore d'ogne cosa
è uere ca la rascia nne' ce steua
ma chelle poche t'abbastaua pe' campà'
ca delenguenza e catteuèria 'n c'iappeteua
e i' munne 'n te faceua preccupà'
all'ampreuisa...la porta che sbattette
e de colpe 'alle mane me cascatte
je strummele 'mpreulite e scantecciate.
Sentette ancora i' uente che scesciaua
e 'nna uoce d'atterra me chiamaua
quanta tempe era passate senza 'ccorgemele
pensènne e parlènne che 'nne strùmmele!

Lo strummolo (la trottola)


Una giornata che non avevo nulla da fare
salii sopra l'attico a rabbattare per trovare qualche cosa
spostando sedie scatole e vecchi ombrelli
fra polvere ragnatele e paccottiglia varia
mi trovai in mano con ancora la sua corda avvolta
uno strummolo con tre o quattro sfregi
(
colpi inferti dal vincitore con la punta del proprio strummolo)

Mi sedetti...
sentii il cuore che batteva forte
e fuori il vento soffiava

Pensai...
agli anni spensierati e felici
dei giorni più belli di tutta la vita
ma a chi lo potevo raccontare!
Bastava un pezzo di legno
per dimenticare che avevi fame
la gente era buona e rispettosa
e cantava contenta e piena di fede
pesando i valori di ogni cosa
è vero che la l'abbondanza non c'era
ma quel poco che avevi bastava per vivere
con la delinquenza e la cattiveria senza potere
ed il mondo non ti faceva preoccupare
all'improvviso... una porta sbattette
e di colpo dalle mani mi cadé
lo strummelo impolverato e scheggiato.
Sentii di nuovo il vento che soffiava
ed una voce da sotto mi chiamava
quanto tempo era passato senza accorgerne
pensando e parlando con uno strummelo!

La luna e je sole


O' Luna... nne' schemparì!

`Ssa luce abbammaciata che ce manne
C'ammanta d'ombra la nettata
Auessa remane' pe' j'anne
Pe' facce refiatà `n'aria ulletata.

Accappe e nennere i' lamente
Che staue spariate pe' je munne
E ammepisce j'odie de lla gente
Che po' reflètte `n pace fra i' sonne

Smorze i' remore
Fa `dderà la pace
Rrinchie d'amore
`Sta terra 'ddermita

Tu Sole... nne' nn' apparì'
Ca comme t'arrizze squarce 'ste `ncante
Rentredènne tutte i sentemente
`E lle metraglie se resènte i' cante
Che strichene aneme 'nnecènte.

Rrappicce e rinchie de 'ngurdizia
Le mente `e 'st'ommene cecate
Ch'èue perze i' ualore `e lla gestizia
E fede amore e pace èue abbelate.

Rattizze la guerra
Restruglie j'onore
Rabbìle la spranza
Pe' `sta terra ferita

La luna ed il sole


O Luna... non scomparire!

Questa luce tenue che ci mandi
Copre di ombra la nottata
Dovresti restare per un anno
Per farci respirare l'aria vellutata.

Copri e smorzi i lamenti
Che sono sparpagliati per il mondo
E attutisci l'odio della gente
Che può riflettere in pace mentre dorme.

Attenui i rumori
Fai odorare la pace
Riempi d'amore
Questa terra che dorme

Tu Sole... non apparire
Perché come ti alzi rompi l'incanto
Intorbidendo tutti i sentimenti
E delle mitragliatrici si riodono il canto
Che distrugge le anime innocenti.

Riaccendi i ringhi dell'ingordigia
Le menti di questi uomini ciechi
Che hanno perso i valori e la giustizia
E fede amore e pace hanno seppellito.

Riattizzi la guerra
Distruggi l'onore
Riseppelisci la speranza
Per questa terra ferita


banner
banner

Se se petesse...


Se se petesse.. ularrìa
calà' 'a chesta strangulòzza
fermà' 'sta corza senza fede
peli' i' munne 'a 'sta 'mmennezza

Se se petesse... ularrìa
arrènne a tutte cose ì' ualore
renchì l'umanetà d'onore e pace
cagnènne j'odie che j'amore

Se se petesse... ularrìa
arrassegà' 'ste munne 'nsangulente
a 'nn' èsse surde a je lamente
cunselà' i' delore de lla gente

Se se petesse... ularrìa
leuà' le troppe a chi 'rrauànza
spalancà' j'occhie a chi nne' uede
ammenestrà' le cose che crianza

Se se petesse... ularrìa
rabbedenà' i' munne a part'arrete
ca 'ste pregresse c'è cariate
a 'struglie' 'ndefferente le criate

Se se petesse... ularrìa
racchemmannarme a Te o Criatore
'e sentì' 'st'anema 'n delore
ca sule Tu... je te' chisse petere!

Se si potesse...


Se si potesse... vorrei
scendere da questa altalena
fermare questa corsa senza fede
pulire il mondo dall'immondizia.

Se si potesse... vorrei
ridare valore a tutte le cose
riempire l'umanità d'onore e pace
cambiando l'odio con l'amore

Se si potesse... vorrei
riasciugare questo mondo insanguinato
e non essere sordo ai lamenti
consolare i dolori della gente

Se si potesse... vorrei
togliere il soprappiù a chi avanza
spalancare gli occhi a chi non vede
amministrare le cose con intelligenza

Se si potesse... vorrei
riavvolgere il mondo indietro
perché questo progresso ci ha portato
a distruggere indifferente il creato

Se si potesse... vorrei
raccomandarmi a Te o Creatore
per sentire il dolore della mia anima
perché solo Tu... hai questo potere!

'Na fine delerosa


'N albere scurtecciate e senza frunne
che lle uràccia stòrte e 'ncatenate
s'è misse 'ncape de lassà' 'ste munne
che je còre stanche e rassegnate


Piegate e sdellezzate daglie uente
che sibbela comme a 'nn' affannate
crèia 'na sòrta 'e meumente
'e 'nne balle d'aneme dannate

'Na danza senza rrequia e menacciosa
che stregne l'alma 'nterchenita
lancia 'n' uteme mònete d'accusa
a 'st' umanetà che s'è 'ntredita

S'è 'ccorte ca 'n ce stà cchiù sprànza
p'arraccudà' 'st' ommene sbandate
ca senza respètte continua la mattanza
'e pore 'nnecènte che ne' t'eue peccate


È 'strutte da 'sta uita senza sènze
c'abbada a je petere e je quatrine
e surde a je remòrze 'e lle cuscenze
s'abbìa a cundannarse je destine

Una fine dolorosa


Un albero scorticato e senza rami
con le braccia storte e incatenate
si è messo in testa di lasciare questo mondo
col cuore stanco e rassegnato

Piegato e scosso dal vento
che sibila come un affanato
crea una specie di movimento
ed un ballo di anime dannate

Una danza senza pace e minacciosa
che stringe l'anima impaurita
lancia un ultimo monito d'accusa
a questa umanità che si è intorpidita

Si è accorto che non c'è più speranza
per riaccordare gli uomini sbandati
che senza rispetto continua la mattanza
dei poveri innocenti che non hanno peccato

È distrutto da questa vita senza senso
che tende solo al potere ed ai quattrini
e sordo al rimorso della coscienza
si avvia a condannarsi al suo destino

banner
banner

La gestizia


Gestizia mia pecchè sta' ncappecciata?
pe' lla breuoqna 'e comme uenghe addeprata!

La giustizia


Giustizia mia perché stai incappucciata?
Per la vergogna di come sono adoperata!

'Na reflessione


Die c'è misse tante e è fatiate
pe' farce gode' la uita che c'è date
ma nu' stame a fa' subbete
senza reflètte' 'n' atteme
stregliènne chelle ch'è criate

Una riflessione


Dio ci ha messo tanto ed ha lavorato
per farci godere la vita che i Ha dato
ma noi stiamo a fare in fretta
senza riflettere un attimo
per distruggere quello che Ha creato

Le stremetà

Ogge pe' magnà' niente è bone
le troppe t'arrauanza e uè' sprecate
'sta rascia petesse èsse' 'ne uccone
pe chille che se morene affamate!

Gli estremi


Oggi per mangiare niente e buono
il troppo avanza, e viene sprecato
questa abbondanza potrebbe essere un boccone
per quelli che muoiono affamati

'N cagna niente


Se i' munne se gerasse a cioccasotte
e se petissere cagnà' le peseziune
chiglie che mo' rattene sotte sotte
criarriene le stesse cundeziune
perciò 'n ce sta spranza 'e petè' cagnà'
'ste munne suzze s'auessa sule rammeschià'!

Non cambia nulla


Se il mondo si girasse a testa in giù
e si potrebbe cambiare la posizione
quelli che ora rubano sotto sotto
creerebbero le stesse condizioni
perciò non c'è speranza di poter cambiare
questo mondo sporco si dovrebbe solo rimescolare.

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu