Sora Antica (La storia, la cultura, i personaggi e le tradizioni, le ricette e lemanifestazioni)


Vai ai contenuti

Quatte ciàule screbbacchiate - 9

C'era una volta > Quatte ciaule screbbacchiate - G.Paradisi

banner

Quatte ciàule screbbacchiate
Gino Paradisi


banner

La traduzione di poesie dal dialetto all'italiano, non è, ne' potrà mai essere letterale, serve solo a dare il senso del discorso per coloro che non conoscono il dialetto sorano

I' rame 'e lla gliua


'A quanne i' munne è nate
comme simbele de pace sò' cuntate
la gente me se scagna fra 'e lore
ma nne' rrescene a darme 'ne ualore
pecchè i' rame che me straccene 'a je còre
nne' mette fine a j'odie e je delore
ca 'ste munne è 'ngurde e 'nn' è capace
pe' m'addeprà' a semmenà' la pace!

Il ramo dell'olivo


Da quando il mondo è nato
come simbolo di pace sono stato
la gente mi si offre fra di loro
ma non riescono a darmi un valore
perché i rami che mi strappano dal cuore
non mettono fine all'odio e al dolore
che questo mondo ingordo non è capace
per adoperarmi a seminare la pace!

Natale


Le iustre 'e 'nna stella
c'íanzènga í ' cammine
e ce porta neuèlla
ch'è nate je Bambine

Ma 'st'anne 'n se sènte
j'addore 'e lla festa
ca j'odie 'e lla gente
s'è spase e 'n s'arresta.

'N se spira j'amore
'n s'addora la pace
'n se sciòglie í' delore
'e 'ste munne 'ncapace.

Pure je uttere ch'è nate
'n chèsta pura e santa notte
sta 'mmepìte... sta 'ngrugnate
'nn' abbaccisce a cheste bòtte!

Pe' scallarse 'nn' é treuate
je refiate 'e j'aseneglie
ma le bomme e carrarmate
e je fòche 'e lle metraglie!

Care Bambeneglie nostre
Tu fa' 'nfinta e 'n ce uo' crede
ma pe' Te... 'n ce sta chiù poste
pecchè j'òme... 'n tè' chíù fede!

Natale


Il luccichio di una stella
ci insegna il cammino
e ci porta la novella
che è nato il Bambino

Ma quest'anno non si sente
l'odore della festa
perché l'odio della dente
si è sparso e non si arresta.

Non si respira l'amore
non si odora la pace
non si scoglie il dolore
di questo mondo incapace.

Pure il Bambino che è nato
in questa pura e santa notte
sta zitto... sta arrabbiato
non si adegua a questa sorte

Per scaldarsi non ha trovato
il respiro dell'asinello
ma bombe e carri armati
ed il fuoco delle mitraglie!

Caro Bambinello nostro
Tu fai finta e non ci vuoi credere
ma per Te... non c'è più posto
perché l'uomo... non ha più fede!

banner
banner

'Na terra ferita


Je uente ce porta lamente d'aiute
da 'na terra seccòsta da 'n' odie cuàte
da razze che 'e colpe s'eue scuciute
e alme 'e 'nnecènte èue strecàte!

Fra frate' se sparene senza crìanza
che còre de prèta e odie cecàte
e abbelènne j'amore la fede e la spranza
s'addòprene bomme e carrarmate!


Morte senza nome...
odie senza sense...
ualore calpestate...
onore 'nsangunate...

Se uarda 'mpassite 'st' affronte alla uita
e alle sangue 'e 'nnecente che 'nfonne la terra
e surde aglie chiante 'e 'sta terra ferita
'n se sprèscìa neciune a fermarla 'sta guerra!

Pataté'... arrapece i' còre a`st' alme sberrite
e mittece fine a 'ste scempie 'nsensate
e arrennènnece pace e amore 'nfenite
'nzembra alla fede pe' chi j'è criate!

Una terra ferita


Il vento ci porta richieste d'aiuto
da una terra scossa da un odio covato
da razze che di colpo si son disunite
e anime di innocenti hanno distrutto!

Fra fratelli si sparano senza criterio
con cuore di pietra e odio cieco
e seppelliscono l'amore la fede e la speranza
adoperando bombe e carri armati!

Morte senza nome...
odio senza senso...
valori calpestati...
onore insanguinato...

guardiamo impassibili quest'affronto alla vita
ed al sangue innocente che bagna la terra
e sordi al pianto di questa terra ferita
non si sforza nessuno a fermarla questa guerra!

Padre Eterno... apri il cuore a queste anime imbizzarrite
e metti fine a questo scempio senza senso
e rioffrici pace ed amore infinito
insieme alla fede per chi ci ha creato
(scritta in occasione del genocidio perpetrato nella ex Jugoslavia)

Cara uecchia befana


Chella notte... accauallata a 'nna schepetta
scecuraue selenziosa pe' lle tetta
'llemenata dalle justre de lle stelle
che' 'ne sacche chine 'amore e pazzìèlle

Usetaue le criature 'e tutte i' munne
mentre 'ermeune 'ne 'nnecènte sonne
rannecchiate 'nfreddelite a 'nne lettine
stregnènnese c'amore i' cuscine

'Nzembra a tante 'nfrigne e papattèlle
careune sciusce sicche e caramelle
mettiue appise 'entre a lle causette
j'amore... la pace... e i' respètte

Cara uècchia befana 'mbafuccata
de te la gente s'è scurdata
ca respètte e fede chiù nne' sente
e 'strùglie tutte... 'ndefferente

'N s'appènne chiù niente a je cammine
pecchè le pazzièlle nne le uò' neciune
'n ce se cuntènta chiù 'e lla causetta
ch'è troppe poche... e nù' tenime fretta


Cara uecchia Befana abbandenata
remittete a gerà' chella nettata
pe' repertà' la spranza e la pregliera
'entre alle case... almene pe' 'nna sera!

Cara vecchia Befana


Quella notte... a cavallo di una scopa
scivolavi silenziosa per i tetti
illuminati dal luccichio delle stelle
con un sacco pieno d'amore e giocattoli.


Visitavi i bambini di tutto il mondo
mentre dormivano un innocente sonno
raggomitolati e infreddoliti nel lettino
stringendosi con amore il cuscino

Insieme a tante stupidaggini e giocattolini
portavi semi, frutta secca e caramelle
mettevi dentro le calzette appese
l'amore... la pace... ed il rispetto

Cara vecchia befana imbacuccata
ti te la gente si è dimenticata
perché rispetto e fede più nessuno sente
e distrugge tutto... indifferente

Non si appende più nulla al camino
perché i giocattoli non li vuole più nessuno
non ci si contenta più della calzetta
che è troppo poco... e noi abbiamo fretta

Cara vecchia Befana abbandonata
ritorna a girare in quella nottata
per ridonare la speranza e la preghiera
dentro le case... almeno per una sera!

banner
banner

La schemmessa


Cette 'e mattina 'n mese a je mercate
'na cocchia 'e gemelle uguale speccecate
freganne che' ferbizia 'na 'ntista contadina
che e'lla piazza se uantava la chíú fina.
Une 'e ie ddu' s'abbecenatte a 'ne ciste
'e ficura sèsse belle crètte crètte
mentre gl'iaute senz'èsse' viste
arrète a 'nne traine s'annascunnette.
Segnò'... 'icette i' 'mpertenente
a lla ullana schemmette
'n faccia a 'st passante
ca 'ssa cesta 'e ficura
me la magne sana sana
e se 'n ce rrèsce te le paìe tutte quante.


Cuccio'... ma a chi uo' peglià' pe' fessa
comme fa' a uenge' 'ssa schemmessa
tu 'n ce sbaiocche e nne' si uiste
quanta so' le ficura 'e 'ste ciste
perciò ... pe' onore 'e Ddi'...
vide addo' adde' ì'...
ma i' gemelle fù tante petelante
'a mette a stizza la sègnora che 'lla gente
che 'ncuriesita s' èra 'bbecenata
pe' ude' comme feneua la bbrauata.
Ua bone... iamme... uane 'nnante
e facce ude' comme si sbrafante!
S'èra sbafate quace mesa cesta
quando se gira a lla ullana 'ntista
chiedenne che' críanza i' permesse
ca pe' bbesogne aveva scappà' aglio cèsse.
La segnòra uauazzosa se 'mpaunatte
tutta cuntènta ca 'n ce l'èra fatte!
Ma nne' passatte manche ne memente
ca s'arrapresenta i' gemelle mpertenente
ma 'nn' èrà chiglie ch'èra già magnate
ma gl'ate 'nnascoste uguale speccecate.
La ullana 'ntista... 'ngnara 'e tutte
cagnatte 'e culore e s'ammepette
ca 'nnante a gl'iocchie ce scurtatte
la cesta 'e ficura belle crètte crètte!

La scommessa


Una mattina presto nel bel mezzo del mercato
una coppia di gemelli uguali uguali
fregando con furbizia una superbiosa contadina
che della piazza si vantava di essere la più furba.
Uno dei due si avvicinò alla cesta
mentre l'altro senza esser visto
si nascose dietro ad un carretto.
Signora... disse l'impertinente
alla villana – scommetto
di fronte a questo passante
che questa cesta di fichi
me la mangio per intera
e se non ci riesco te la pago tutta.

Cuccione... (
modo di dire per indicare un ragazzaccio)
ma a chi vuoi prendere in giro
come puoi vincere questa scommessa
tu non vedi bene o non hai visto
quanti fichi ci sono in questa cesta
perciò... per l'amore di Dio...
vedi dove devi andare...
ma il gemello fu petulante
a mettere zizzania fra la signora e la gente
che incuriosita si era avvicinata
per vedere come terminava la bravata.
Va bene... andiamo... vai avanti
e facci vedere quanto sei vanitoso!
S'era mangiato quasi mezza cesta
quando si gira alla villana altezzosa
chiedendo con cortesia il permesso
perché per bisogno doveva scappare al cesso.
La signora gongolando si adeguò
tutta contenta che non ce l'aveva fatta!
Ma non passò nemmeno un momento
che si ripresenta il gemello impertinente
ma non quello che aveva già mangiato
ma l'altro che si era nascosto ed era uguale.
La villana superbiosa... all'oscuro di tutto
cambiò di colore e si azzittì
perché davanti ai suoi occhi terminò
il cesto di fichi belli e buoni!

Omaggio a Bruno


Lirinia...
doce e petente sone de spranza
e d'amore sencère pe' 'sta terra scurdata
sfrettata da ommene senza crianza
e da male petere che l'è gheurnata


Lirinia...
nome che scòte je còre ceciare
e le mente geniale 'e je figlie deuòte
reueglia 'ne foche d'orgoglie e d'onore
facènne 'ne corpe 'e 'ste terre remòte


Lirinia...
che spuglie de 'mmidia e rancore la gente
'e 'sta ualle che frulla d'arte e de storia
e arrenne i' respètte a tutte le mente
pe' 'n' uneca uia 'e ualore e de gloria

Lirinia...
che nasce pe' cresce libbera e forte
pe' farze sentì' che' uoce 'mpettita
lettènne abbracciate contra la sorte
perchè le cuscienze... t'èue parterita!

Omaggio a Bruno


Lirinia...
dolce potente suono di speranza
e di amore sincero per questa terra dimenticata
sfruttata da uomini senza criterio
e dal malpotere che l'ha governata.

Lirinia...
nome che scuote il cuore ciociaro
e le menti geniali dei suoi figli devoti
risveglia un fuoco d'orgoglio e d'onore
facendo un unico corpo di queste terre passate.

Lirinia...
che spogli di invidia e rancore la gente
e questa valle che frulla di arte e di storia
e restituisce il rispetto a tutte le menti
per un'unica via di valore e di gloria

Lirinia...
che nasce per crescere libera e forte
per farsi ascoltare con voce sonante
lottando abbracciati contro la sorte
perché le coscienze... ti hanno partorita!

Un senatore si impegnò a fare un comune nuovo unendo cinque municipalità nei dintorni di Sora per fare un'unica città. Che avendo un numero superiore di abitanti ed occupando un territorio più vasto avrebbe avuto maggior potere contrattuale nei confronti della provincia e della regione per ottenere più adeguati servizi e più rispetto. Questa città che si doveva formare si sarebbe potuta chiamare Lirinia, in omaggio al fiume che attraversa il territorio, ossia il Liri. Bruno è riferito al senatore emerito Bruno Magliocchetti.

banner
siamo contro la pedofilia
pulsante torna alla home page
pulsante torna indietro
pulsante vai avanti
pulsante vai al modulo email
pulsante vai al libro degli ospiti

Home Page | C'era una volta | Sorani illustri | Storia | Immagini | Manifestazioni | Arti, Mestieri e... | Scrivimi | Libro degli ospiti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu